Bisonni lascia il Movimento 5 Stelle
prima della sua espulsione

POLITICA - L'ingegnere tolentinate, che rimane consigliere regionale, annuncia in una nota di aver ricevuto una mail dallo staff di Grillo che lo avvisava dell'avvio del procedimento e di non aver voluto far valere le sue ragioni. "Il movimento ha smarrito i suoi principi fondanti nonché quelli di garanzia e per tali motivi non mi riconosco più in esso"
- caricamento letture
bisonni 1

Sandro Bisonni

 

Il consigliere regionale Sandro Bisonni abbandona il Movimento 5 Stelle. Ha ricevuto una mail dallo staff di Beppe Grillo che lo informa dell’attivazione di un procedimento di espulsione e ha deciso di non ricorrere per far valere le sue ragioni ma di lasciare il movimento pentastellato. E’ lo stesso Bisonni. che rimane comunque consigliere regionale, a dichiararlo:« L’avvio di tale procedura disciplinare è a me incomprensibile – dice l’ingegnere tolentinate – Mi sembra che il Movimento 5 stelle, da quando Beppe Grillo si è fatto da parte, abbia smarrito i suoi principi fondanti nonché quelli di garanzia e per tali motivi non mi riconosco più in esso. Ho deciso – conclude Bisonni – di non avvalermi del mio diritto di ricorrere ma di abbandonare il Movimento 5 Stelle. Ringrazio tutti coloro che mi hanno votato e sostenuto con calore in questi mesi di opposizione al governo regionale, assicurandoli sin da subito che continuerò la mia azione in consiglio regionale con uguale impegno e mosso dai medesimi ideali». Ad inizio novembre i gruppi del Movimento 5stelle di Tolentino, Civitanova, Fabriano, Matelica, Potenza Picena e Recanati avevano chiesto le dimissioni del consigliere regionale non riconoscendolo come proprio portavoce poichè “ritenuto del tutto estraneo ai principi di base del Movimento essendo venuto meno ad alcuni degli impegni etici sottoscritti di fronte agli attivisti al momento della candidatura” dissociandosi anche dall’operato dei consiglieri regionali (leggi l’articolo). Piergiorgio Fabbri, Peppino Giorgini, Romina Pergolesi e il capogruppo Gianni Maggi, si sono subito schierati a difesa del collega, sottolineando che Bisonni “non ha violato alcuna regola ne impegni sottoscritti” (leggi l’articolo).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X