Juniores, continua il sogno del Matelica
Otto punti di vantaggio sulla seconda

CALCIO - Mister Palazzi analizza la stagione dei biancorossi nel campionato nazionale: "E’ bene godersi il momento ma rimaniamo umili fino alla fine"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Juniores Matelica

Mister Michele Palazzi con la Juniores del Matelica

L’entusiasmante stagione della Juniores del Matelica nel campionato nazionale non si mette limiti. I giovani di mister Michele Palazzi sono primi in classifica dall’inizio del campionato e addirittura dopo l’ultima vittoria in trasferta, contro il Giulianova, hanno allungato a +8 sulle inseguitrici mettendo un’ipoteca sulla vittoria finale. Vietato però dire che ormai è fatta col tecnico Palzzi che fa un bilancio su quanto fatto finora. “Non temo che i ragazzi si possano rilassare proprio adesso e buttare via tutto perché è un momento di passaggio. Questo campionato non è un punto di arrivo  si tratta di una stagione che non determina nulla sul futuro E’ bene godersi il momento, ma rimanere umili”.

La sua squadra è formata da tutti ragazzi del ’97 e ’98 tranne un paio di ’95 e ’96. Come riesce a gestire uno spogliatoio così giovane?

“Mi piace ridere e scherzare, ma quando arriva il momento di lavorare bisogna farlo e seriamente. Per crescere non bisogna mai cullarsi sui successi. Devo riconoscere e i ragazzi sono cresciuti costantemente, anche reagendo subito in momenti meno semplici”.

Qual è la soddisfazione più grande della stagione?

“Non è ancora finita quindi per rispondere aspetto la fine. Intanto vedere i ragazzi maturati rispetto all’inizio dell’anno e Vrioni alla Sampdoria. Questo è il risultato di un grande lavoro svolto negli anni dalla società e dal settore giovanile”.

Cosa risponde a chi dice che il campionato Juniores quest’anno è più semplice?

“Nulla. Non è sempre facile riconoscere meriti agli altri. Io penso invece che qualcosa avranno fatto anche i ragazzi per poter stare lassù. Se fosse stato così semplice saremmo stati tutti primi. La cosa più importante però è crescere, come mi aveva chiesto la società a inizio anno per preparare qualche ragazzo alla prima squadra”.

Che aria si respira nello spogliatoio, ormai è fatta?

“Finchè non ci sarà la matematica non lo sarà. I ragazzi tengono tanto, troppo a questo traguardo e non penso che si rilasseranno fino a quando lo avranno raggiunto”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X