Ladri e vandali alla riserva naturale,
nel mirino le bacheche in legno

SAN SEVERINO - I malviventi hanno usato una motosega per tagliare le strutture. Danni per 4.500 euro
- caricamento letture
Una bacheca simile a quelle rubate

Una bacheca simile a quelle rubate

Vandali nel verde alla Comunità montana: nel mirino le bacheche della riserva naturale del monte San Vicino e Canfaito. Alcuni malviventi, usando una motosega, hanno tagliato le strutture, e in un caso l’hanno portata via, in altri due le hanno abbandonate sul posto dopo averle fatte a pezzi. Tre le bacheche che non ci sono più: avevano un valore di 1.500 euro ognuna.

Furto e danneggiamenti alla riserva naturale. I malviventi hanno agito nei giorni scorsi dopo che in precedenza erano già stati rubati alcuni segnali stradali che si trovavano agli ingressi principali dell’area protetta. Ma questa volta i danni causati da ladri e vandali sono stati decisamente superiori. I malviventi, usando una motosega, hanno tagliato le strutture in legno delle nuovissime bacheche che erano state acquistate per sistemarvi i tabelloni illustrativi con le informazioni che dovevano illustrare ai visitatori sia Elcito, che il monumento di Canfaito, che il monte San Vicino.

Una delle bacheche fatte a pezzi (foto di Nicola Pezzotta)

Una delle bacheche fatte a pezzi (foto di Nicola Pezzotta)

I ladri hanno portato via la struttura di Elcito e abbandonate le altre due dopo averle fatte a pezzi. La Comunità montana ha denunciato il furto e chiede a chi ha informazioni di segnalare.

(Gian. Gin.)

 

 

 

 

 

 

 

Riserva naturale San Vicino e confaito 2

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X