Cosmari: “Ma davvero siamo cari?”

RIFIUTI - Parte la campagna di comunicazione del gruppo con una lettera di un lavoratore ai citttadini
- caricamento letture

cosmariNota del Cosmari:

In questi giorni il Cosmari, anche a seguito di una serie di interventi che si sono succeduti sui media a firma del vicesindaco di Civitanova  Giulio Silenzi (leggi l’articolo) e di altri esponenti politici, ai quali tra l’altro ha anche risposto il senatore Mario Morgoni  (leggi l’articolo) e relativi alle tariffe applicate da Cosmari per l’espletamento del servizio di raccolta, trattamento e avvio al riciclo e/o smaltimento dei rifiuti, ha promosso una campagna di comunicazione, rivolta a tutti i cittadini, con lo scopo di informare in maniera chiara e trasparente, proprio sui costi che gli utenti si trovano a pagare con la tassa dei rifiuti. In particolare è stata confrontata la spesa annua per abitante a livello italiano, 148 euro (dato Ispra) con quella che si trovano a pagare le persone residenti nei comuni della provincia di Macerata, 102 euro (fonte bilancio Cosmari 2013). Differenze sostanziali a fronte di servizi di qualità, efficienti e puntuali, che consentono di ottenere, grazie alla collaborazione di tutti i cittadini, risultati molto importanti nella raccolta differenziata, oramai stabilmente sopra il 72% contro la media italiana che, nel 2013, è stata del 39%. Nella lettera, c del Gruppo Cosmari, si chiede anche che venga riconosciuto il valore del lavoro delle tante persone che, quotidianamente, con professionalità si occupano dei rifiuti maceratesi, evitando facili quanto sterili e inutili polemiche dettate più dalla politica che da reali problematiche dovute ai servizi.
COSMARI DIFFERENZIATA 2«Caro Cittadino – scrive su tutti i giornali un lavoratore del Gruppo Cosmari – mi incontri ogni giorno, con qualsiasi condizione meteo, davanti la porta di casa tua mentre ritiro i tuoi sacchetti dei riuti, quelli blu, quelli gialli e della carta, oppure mentre svuoto i contenitori stradali, quelli dell’umido, del vetro e dei pannoloni o mentre raccolgo l’immondizia nelle spiagge o in montagna o al termine di un mercato o di una festa popolare. Grazie alla tua preziosa collaborazione ed al mio impegno, la nostra provincia è tra le più virtuose d’Italia ed insieme riusciamo a riciclare oltre il 70% dei riuti. Io ho anche 401 colleghi che come me quotidianamente si adoperano per garantirti città pulite, che ti accolgono nei centri di raccolta dove porti i riuti ingombranti, i mobili, le apparecchiature elettroniche, gli elettrodomestici o le semplici lampadine e che ti consegnano periodicamente i sacchetti per la raccolta differenziata porta a porta senza farteli pagare.
La maggior parte dei tuoi i riuti li avvio al riciclo e solo una quota residuale li conferisco nella nuova discarica non prima di averli trattati ed “impacchettati”.
COSMARI DIFFERENZIATATutto questo ti costa mediamente 102 € in un anno e cioè il costo di una uscita al ristorante con i tuoi familiari ed è bene che tu sappia che da altre parti si spende mediamente il 50% in più, infatti l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale nel suo rapporto 2013 stabilisce che in Italia ogniabitante spende annualmente circa 148 €. Come puoi capire il positivo lavoro che tu ed io abbiamo svolto sino ad ora ci ha consentito di tenere sotto controllo i costi e se insieme non avessimo scelto di fare la differenziata avremmo
speso molto di più. Cosmari nell’ultimo periodo ha anche spento denitivamente
l’inceneritore, ha attenuato il problema dei cattivi odori, ha investito nel fotovoltaico e realizzato la nuova discarica di appoggio, tutti interventi non semplici da realizzare e che di
fatto hanno stabilizzato per i prossimi 15 anni il mio lavoro e quello dei miei 401 colleghi portando serenità nelle nostre famiglie. Ora però ti chiedo di apprezzare ciò, di lasciarmi fuori dalle facili polemiche e di guardarmi con un occhio diverso, mi basta unsorriso, il sorriso di chi riconosce il mio impegno quotidiano e la mia dedizione che non meritano di nire tra i riuti. Se ci pensi bene, in fondo, Cosmari siamo noi tutti!»

Leggi la lettera



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X