Piccola Personale di Cosetta Palazzoni

La nuda e imponderabile quotidianità nelle opere dell'artista pievese
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

I quadri di Cosetta Palazzoni sono delicatissimi. Fuggevoli senza essere sfuggenti, leggeri senza essere superficiali, catturanti e seduttivi. Ci colpisce, del suo tratto, la classicità e l’asciuttezza; ma anche la sensazione dell’imponderabile che sempre incombe e che impedisce di fissarsi in uno spazio e in un momento, costringendo piuttosto ad un riandare perenne della memoria e del sogno, seppure attraverso i lampi e le tracce, le orme, della più nuda quotidianità. Ecco allora i suoi ritratti, che non si fermano sulle sagome a taluni familiari, ma sempre evocano altro: una sorniona intenzione, una malinconia latente, una stanchezza, un oblio, una ricerca inesausta; sì, un momento e non quello successivo. Oppure una serie di momenti che tuttavia sanciscano lo scorrere perpetuo della vita, e l’importanza di segnarne un’orma – come che sia. Ci piace dedicarle questa Piccola Personale e, nel portale nazionale di Quid Culturae (www.qculturae.it), l’Antologica d’Arte di questo mese.

(Filippo Davoli)

 

Senza-titolo-4-487x650

001

 

Senza-titolo-8-487x650

002

 

Senza-titolo-14-487x650

003

 

Antonio1-487x650

004

 

Senza-titolo-12-487x650

005

 

Senza-titolo-6-650x650

 

Senza-titolo-2-487x650

007

 

Senza-titolo-16-487x650

008

 

Senza-titolo

009

 

Cosetta

Cosetta Palazzoni

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X