Piccola Personale di Cosetta Palazzoni

La nuda e imponderabile quotidianità nelle opere dell'artista pievese
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

I quadri di Cosetta Palazzoni sono delicatissimi. Fuggevoli senza essere sfuggenti, leggeri senza essere superficiali, catturanti e seduttivi. Ci colpisce, del suo tratto, la classicità e l’asciuttezza; ma anche la sensazione dell’imponderabile che sempre incombe e che impedisce di fissarsi in uno spazio e in un momento, costringendo piuttosto ad un riandare perenne della memoria e del sogno, seppure attraverso i lampi e le tracce, le orme, della più nuda quotidianità. Ecco allora i suoi ritratti, che non si fermano sulle sagome a taluni familiari, ma sempre evocano altro: una sorniona intenzione, una malinconia latente, una stanchezza, un oblio, una ricerca inesausta; sì, un momento e non quello successivo. Oppure una serie di momenti che tuttavia sanciscano lo scorrere perpetuo della vita, e l’importanza di segnarne un’orma – come che sia. Ci piace dedicarle questa Piccola Personale e, nel portale nazionale di Quid Culturae (www.qculturae.it), l’Antologica d’Arte di questo mese.

(Filippo Davoli)

 

001

 

002

 

003

 

004

 

005

 

 

007

 

008

 

009

 

Cosetta Palazzoni

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X