Invasione di farfalle bianche
“E’ un boom demografico”

Centinaia di lepidotteri dalle ali bianche nelle campagne, nelle spiagge e persino in superstrada
- caricamento letture
cavolaia

Un esemplare di Cavolaia

Il territorio maceratese, e non solo, è stato preso di mira in questi giorni da un’invasione di farfalle. In moltissimi hanno notato l’insolito pullulare di migliaia di lepidotteri dalle ali bianche che hanno dato vita a un ciclo continuo. Il fenomeno ha interessato tutti gli ambienti, dalle campagne alle montagne, dalle spiagge affollate e persino in superstrada. Al di là dello spettacolo piacevole, in tanti si sono domandati come si spiega questa abbondanza. «Si tratta di un fenomeno ben conosciuto in biologia – spiega  il biologo David Fiacchini – alcuni gruppi di animali, specialmente invertebrati, hanno un ciclo biologico con delle punte demografiche in occasione di stagioni particolarmente favorevoli (condizioni meteo-ambientali, risorse trofiche, ridotta presenza di predatori, ecc.). E’ il caso della Cavolaia, la farfalla bianca che quest’estate ha avuto un boom demografico. Nei lepidotteri questi fenomeni periodici sono più evidenti, ma è del tutto naturale».

(Redazione Cm)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X