Villa Musone, sorpasso all’ultima curva
Rione Pace e Robur a caccia della salvezza

IL PUNTO SULLA SECONDA - La clamorosa sconfitta del Montecosaro ad Osimo può valere un'intera stagione. Andrea Domizi difensore goleador
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
La formazione della Robur al completo

La formazione della Robur al completo

di Federico Bettucci

Il crollo al penultimo giro. La Waterloo del Montecosaro si chiama Osimo Stazione. Sconfitti 3-0 in casa di una formazione che sarà costretta ai playout e che aveva vinto appena quattro volte in casa, Giandomenico e compagni, sorpassati dal Villa Musone (ora a più uno dopo il 3-0 a domicilio allo United Civitanova), crollano proprio sul più bello e vedono tristemente allontanarsi il primo posto del girone E di Seconda categoria. Un 3-0 a dir poco inaspettato alla vigilia: la capolista, anzi ex, vantava 34 lunghezze in più in graduatoria, con 19 reti subite in 28 gare (miglior difesa) rispetto agli osimani, a segno appena 26 volte (terzo peggior attacco). Resta una fiammella di speranza: nell’ultima giornata servirà battere lo United Civitanova e confidare che il Villa Musone non vinca il match casalingo con una Samb Montecassiano virtualmente già sotto l’ombrellone. Se il Csi Recanati (ko 1-3 in casa con la Vigor Castelfidardo, rete di Reucci), attualmente appaiato all’Atletico Ancona (sconfitto all’inglese da un orgoglioso Morrovalle, a segno con Bianchi e Torresi) in attesa del faccia a faccia del prossimo week end, chiuderà in penultima posizione, allora ad Osimo Stazione nel playout sarà durissima. La Vis Civitanova, sesta, non passa a Montecosaro contro la Vigor (0-0) e rimane a meno tre da Vigor Castelfidardo e Aries Trodica, che con la doppietta di Stortoni colleziona il quindicesimo pareggio stagionale (2-2). Samb Montecassiano (Scattolini) e Pinturetta fanno 1-1. Nel girone F il San Claudio assiste alla festa del Monte Urano nel testa coda: 4-0. Diventa cruciale, intanto, la lotta per il secondo posto. Che non assegna solamente il vantaggio di giocare in casa l’eventuale finale.  Permette anche, infatti, di ritrovarsi direttamente in finale, evitando un ostacolo tutt’altro che semplice chiamato Futura 96. La seconda piazza, dunque, se la giocheranno Amatori Corridonia e Telusiano. Formazioni nell’ultimo turno vittoriose a suon di gol. Gi Amatori per 5-0 sul Borgo Rosselli (Carlini, Zuffati, doppietta Scarpeccio, Petritoli), il Telusiano per 4-1 sull’Urbisalviense (Giri, Verdicchio, Tarquini, Alioski e Morresi per gli arancioblù). In coda la Belfortese, sconfitta 2-0 a Macerata contro la Robur, in rete con Zerani e Roccetti, è disperata. Lottano per scongiurare i playout Sarnano (2-1 al Muccia con Pasquali e Fantegrossi e rete ospite di Remigi), Rione Pace (0-0 a casa GT), Elfa Tolentino (corsara 3-2 a Fermo con Maiolati e doppio Domizi) e Robur. Nel girone D la Fabiani Matelica espugna 2-1 Argignano con Ilari e Vrioni mentre l’Ediartis si impone di misura 1-0 sulla Labor con Fortunato.

IL PERSONAGGIO DELLA SETTIMANA: Andrea Domizi (Elfa Tolentino). Anima e trascinatore della squadra lo era già stato per tutto il campionato, indipendentemente da quello che sarà il destino dell’Elfa. Per un giorno è anche bomber implacabile con una doppietta.

LA FORMAZIONE DELLA SETTIMANA:
1 – Seccacini (Sarnano)
2 – Dezi (Muccia)
3 – Maiolati (Elfa Tolentino)
4 – Zuffati (Amatori Corridonia)
5 – Zerani (Robur)
6 – Giri (Telusiano)
7 – Petritoli (Amatori Corridonia)
8 – Stortoni (Aries Trodica)
9 – Domizi (Elfa Tolentino)
10 – Scarpeccio (Amatori Corridonia)
11 – Vrioni (Fabiani Matelica)
Allenatore: Mercanti (Morrovalle)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X