Don Ennio, il clown più atteso dai bambini africani

IL RICORDO - Quando sono stato a Macerata, ho visto due Don Bosco
- caricamento letture

 

 

Don Felice Molino con Don Ennio Borgogna

Don Felice Molino con Don Ennio Borgogna

Pubblichiamo di seguito la bellissima lettera di don Felice Molino, il direttore dell’opera don Bosco Parish di Makuyu (Kenya), che ha inviato ai ragazzi maceratesi che nel corso degli anni hanno partecipato alle missioni africane assieme a Don Ennio Borgogna, di cui stamattina si sono celebrati i funerali (leggi l’articolo). 

***

di Don Felice Molino

Miei carissimi Amici di Macerata,
Domenica  mattina mi ha chiamato in Skype, dall’Inghilterra,  Riccardo Tamburrini per annunciarmi l’improvvisa scomparsa di Don Ennio.
Lui piangeva ed io mi sono sentito privato improvvisamente di una presenza per me tanto importante.
Ho istintivamente pensato a voi e mi sono reso conto che il mio senso di smarimento era solo una piccola parte del vostro, di voi che siete vissuti all’ombra di questo albero gigantesco.
Poi Alessandra ed altri mi hanno comunicato la triste notizia e si sono uniti a me in questo momento di sofferenza e di gioia insieme.
Voglio condividere con voi i miei ricordi, perché diventino una ulteriore testimonianza dell’affetto che don Ennio ci ha donato e di quello che abbiamo cercato di donargli.
Alcune cose ve le avevo forse già dette, ma le riscrivo qui, perché mi fa bene ricordare…
Penso che la prima volta che sono venuto in contatto con Ennio fu verso la fine dell 1999, se non vado errato.
Mi scrisse che voleva venire con un gruppo di giovani, una ventina o più durante l’estate 2000.
Eravamo soliti ricevere ogni anno gruppi di giovani volontari del Vis, non più di 10, ma il contatto era sempre appunto tramite gli organismi ufficiali del Vis.
La cosa mi parve un pò strana e fuori proporzione… il numero troppo alto.
Lasciai la lettera in attesa.

Don Ennio Borgogna con i bambini africani

Don Ennio Borgogna con i bambini africani

Dopo qualche giorno ricevetti una telefonata. Era Don Ennio di nuovo che mi chiedeva se i giovani potevano venire.
Gli risposi che non sapevo se saremmo stati capaci di accogliere un numero così grande, ma dentro avevo anche tanta perplessità: Chi è questo Don Ennio? E che tipo di giovani mi porta giù”.
Lui però si accalorava al telefono e, poiché tentennavo, ad un certo punto, quasi alzando la voce mi disse: “Ma guarda che i miei giovani sono bravissimi. Vedrai che ti troverai contento!”.
Abbozzai un si, timoroso di essermi sporto troppo.
In giugno 2000 ero in Italia. Venne con alcuni giovani per un giorno al Santuatio di Maria Ausiliatrice, a Torino,  in pellegrinaggio e là ci incontrammo.
Con vergogna, devo ammettere che la prima impressione fu un po’ deludente.
Quel piccoletto ogni tanto si inceppava nelle parole e poi era un prete di età… Cosa poteva fare come animatore di giovani in Kenya, senza una parola di inglese?
La cosa che però mi convinse ancora una volta a ripetere il “si” fu il fatto che quando parlava i suoi giovani lo stavano tutti ad ascoltare con grande attenzione.
Ecco, mi parve che quel “I suoi giovani” non era un possessivo, ma una mutua corrente di affetto, simpatia, dedizione, collaborazione.
A Makuyu, due mesi dopo, ne avevo la conferma. Per i suoi giovani lui viveva e seppe vivere anche per i nostri di Makuyu.
Come dimenticare quelle sere in cui si radunava con i “suoi” giovani a verificare la giornata trascorsa ed a programmare il giorno dopo.
Don_Ennio_3Lui era l’anima, ma se ne stava parecchio in silenzio. Lasciava che parlassero i suoi giovani, che si esprimessero con libertà, che fossero loro ad organizzare.
Ad una Messa celebrata a Macerata, ebbi a dire, e lo dissi con convinzione: “Qui vedo due Don Bosco”. Sul lato sinistro c’era la statua di Don Bosco ed a destra avevo Don Ennio.
Aveva un libricino su cui annotava le parole Kikuyu e poi le usava con i ragazzi, suscitando grande ilarità.
Mi ricordo quando tornava nel tardo pomeriggio dal villaggio di Doromo, dove era andato con i suo giovani per il campo estivo. La sua camicia portava tutte le impronte digitali delle mani dei bambini.
Lui doveva essere stanco morto, ma non lo dava a vedere.
Si lavava le mani e poi in cucina a pelare patate.
Solo quando tutto era pronto per la cena se ne andava a fare la doccia e poi, di nuovo con i suoi giovani per la preghiera, prima della cena.
Dopo cena un 75nne avrebbe piacere di sedersi in poltrona davanti al televisore ed aspettare che arrivi il sonno, ma lui era di nuovo con i giovani spesso per un “ritiro” notturno in cui i suoi giovani, pila in testa, si ritiravano ad uno ad uno in silenzio in un angolo buio a riflettere, a pregare a scrivere…
Solo lui poteva ottenere, da giovani così esuberanti, quei momenti di alta riflessione e preghiera.
Quando parlava a loro in cappellina, metteva sull’altare una piccola statuetta della Madonna e pareva voler dire ai suoi giovani che quello che lui diceva, veniva proprio dalla “Madonnina”.
Quando i suoi giovani facevano i clown, dando un avvio gioioso alla giornata dei nostri ragazzi, lui era sempre il “clown” più atteso e sapeva suscitare ilarità e gioia in tutti. Un vero Don Bosco!

Nell video-ricordo dei ragazzi dei Salesiani di Macerata ci sono diverse immagini di Don Ennio assieme a Don Felice

Nell video-ricordo dei ragazzi dei Salesiani di Macerata ci sono diverse immagini di Don Ennio assieme a Don Felice

Spesso mi mandava messaggi o parlavamo in Skype. Era aggiornatissimo. Usava skype e facebook con la scioltezza di un ventenne.
Aveva voglia di aiutarmi e penso che avesse voglia di aiutare il mondo.
Aveva un cuore talmente grande!
Mi parlava spesso di povertà e dei poveri. Della povertà in Congregazione … avrebbe voluto vederla più “visibile” in tutti noi. Lui ne era era davvero un esempio visibile.
Quando era a Makuyu gli chiedevo di mandare a lavare la biancheria sporca, ma lui mi rispondeva che era uno scout e che uno scout sa arraggiarsi.
Il Signore sa quanto mi costi non essere lì con voi a dare l’ultimo saluto ai suoi resti mortali. So però che posso essere lì con voi e lui può essere qui con me.
Quello che ciascuno di noi ha nel cuore, lui lo vede.
Ho parlato poco fa con Sr. Cecilia in Tanzania. Piangeva. “Nessuno come lui ha preso così tanto a cuore la nostra Missione. Che faccio adesso senza di lui?”.
Poi si è ripresa: “So che adesso farà per noi tutto quello che avrebbe voluto fare e che non ha potuto, perché su questa terra i limiti sono tanti…”.
Penso che ci abbia azzeccato.
Stiamo salutando un Santo che dal Paradiso continuerà il lavoro lasciato in terrà con la capacità che gli verrà dalla costante convivenza con Dio.
Sono certo che presto uscirà un libro su di lui, perché una vita così non può passare inosservata.
A voi, “suoi giovani” esprimo tutta la mia vicinanza così come al fratello, a Simone ed a quanti, come me, si sentono un po’ orfani.
“La mia vita la devo a voi ed ho giurato al Signore che fino l’ultimo mio respiro sarebbe stato per voi”.
Sono le parole di Don Bosco, ma possiamo applicarle tanto bene a Don Ennio.
“Quanto mi ha voluto bene!”, dicevano i giovani parlando di Don Bosco alla sua morte.

Don Felice e don Ennio in Africa

Don Felice e don Ennio in Africa

“Quanto mi ha voluto bene!”, possiamo dire noi oggi, parlando di Don Ennio.
Se n’è andato senza disturbare, con volo diretto per il Paradiso.
San Filippo Neri ebbe a dire più volte che alle agiatezze ed agli onori preferiva il Paradiso.
E’ stato così anche per Don Ennio, l’Oratorio, gli Scout, i suoi giovani se lo sono mangiato e lui s’è lascaito mangiare… a tutto ha rinunciato per loro, perché … ha preferito il Paradiso!
Tra le lacrime sappiamo di poter far festa, perché lui, come don Bosco, ci aspetta tutti in Paradiso.
A voi ed a tutti coloro che con me condividono l’affetto e la devozione per Sant’ Ennio, un grandissimo abbraccio.

Gli altri articoli

Una festa per l’addio a Don Ennio “L’apostolo dei giovani”


don_ennio_funerale_0

di Matteo Zallocco Tantissimi maceratesi, tantissimi giovani per l’ultimo saluto a Don Ennio Borgogna, scomparso sabato notte a causa di un malore (leggi l’articolo). Oltre due ore di commozione e ricordi appassionati al funerale, celebrato nella chiesa dei Salesiani di Macerata da don Flaviano D’Ercoli. In prima fila c’erano gli scout in divisa, […]

Civitanova saluta Don Ennio L’abbraccio di Macerata in diretta video


Don_Ennio (1)

Nel pomeriggio si è tenuta la cerimonia nella chiesa di San Marone. Domani alle 10.30 il funerale nel tempio di Don Bosco sarà trasmesso da CM per consentire la visione ai missionari e alle tante persone che don Ennio aiutava in Africa. La salma sarà tumulata nella cappella dei Salesiani al cimitero di Macerata

Don Ennio Borgogna Il piccolo, grande uomo


Nell video-ricordo dei ragazzi dei Salesiani di Macerata ci sono diverse immagini di Don Ennio assieme a Don Felice

L’ADDIO – I ragazzi dei Salesiani lo ricordano con un video. ll sindaco Carancini in un telegramma, nel quale ha espresso sentimenti di “ammirazione e riconoscenza per l’altissimo contributo educativo, per la passione religiosa e civile e il forte impegno profusi per l’affermazione dei valori di fratellanza e amicizia”. Stefano Casulli: “Che domani, alle 10.30, sia un delirio in sua memoria”

Si è spento Don Ennio Borgogna, per 34 anni anima dell’oratorio salesiano


Don_Ennio_3

Il sacerdote, amato da intere generazioni di maceratesi, è morto nel sonno a 83 anni. Camera ardente a San Marone, i funerali martedì alle 10.30 a Macerata

Dopo 88 anni i Salesiani salutano Porto Recanati


La chiesa dei Salesiani a Porto Recanati

Rimane l’oratorio, che sarà gestito dal nuovo viceparroco Don Juan Carlos Munoz Caceres. La parrocchia del Preziosissimo Sangue sarà guidata da Don Lorenzo Di Re

Don Ennio Borgogna: “Difendiamo l’oratorio”


Don Ennio Borgogna durante la celebrazione per il suo 50mo di sacerdozio

Grande festa domenica ai Salesiani per i 50 anni di sacerdozio di don Ennio Borgogna. Il sacerdote salesiano è stato per 34 anni l’anima dell’oratorio dove ha visto crescere tantissimi maceratesi prima di essere trasferito, un anno e mezzo fa, a Porto Recanati. “Sono stato contento di aver rivisto tanti ragazzi domenica e anche miei […]

Al teatro Don Bosco torna don Ennio Borgogna per la serata dei “Maceratesi dell’anno”


Ci sarà anche don Ennio Borgogna alla premiazione dei Maceratesi dell’anno che andrà in scena stasera alle ore 21.15 al teatro don Bosco (ingresso gratuito). Il sacerdote salesiano che ha vinto il concorso l’anno scorso insieme all’imprenditrice Maria Toni, tornerà dunque ai Salesiani di Macerata dove è stato per anni il simbolo dell’oratorio e ha […]

Il saluto di Macerata a don Ennio Borgogna


“Sono arrivato a Macerata da Gualdo Tadino in bicicletta e ora vado a Porto Recanati con la barchetta”. Così don Ennio Borgogna, con la simpatia e la semplicità di sempre, ha esordito sabato scorso nella sala consiliare del Comune dove l’Amministrazione comunale ha voluto rivolgere il saluto della città al salesiano che dopo trentaquattro anni […]

Macerata saluta Don Ennio con un pensiero all’Africa


Sarà un sabato di festa in onore di don Ennio Borgogna, l’anima dei Salesiani, colui che ha visto crescere generazioni di maceratesi. Il saluto dei ragazzi del Ser.Mi.Go: Un grande uomo, anche se la statura non lo direbbe, saluterà domani la città di Macerata, dopo una vita (da 34 anni è direttore dell’Oratorio Salesiano) spesa […]

Sabato i ragazzi dei Salesiani di Macerata organizzano una grande festa per salutare don Ennio Borgogna


“Ciao don Ennio… cipullittu de ficana”. Si avvicina il momento di don Ennio Borgogna dall’oratorio dei Salesiani di Macerata a quello di Porto Recanati. Per l’occasione i ragazzi della “Famiglia salesiana” organizzano una festa di saluto a quello che, nel corso dei 34 anni trascorsi in città, ha visto crescere migliaglia di ragazzi. L’appuntamento è […]

Don Ennio Borgogna saluta la sua Macerata


di Matteo Zallocco Era il 1975 quando don Ennio Borgogna iniziò la sua missione all’oratorio dei Salesiani di Macerata dopo le esperienze di Porto Recanati e Gualdo Tadino. A 34 anni di distanza, l’anima dell’oratario salesiano, la figura che ha visto crescere migliaglia di giovani maceratesi, dovrà salutare questa città per tornare a Porto Recanati. […]

Aggiungi un posto a tavola: c’è Don Ennio da Macerata


di Maurizio Verdenelli “Giuro che se dopo tutta ‘sta faticaccia alla fine non mi ritrovo in Paradiso, appena vedo don Bosco, lo gonfio!”. Parola di don Ennio Borgogna assistente spirituale dell’Istituto Salesiano, maestro di generazioni di maceratesi. Così come in precedenza lo era stato un altro leggendario Don E: don Ennio Pastorboni anch’egli nella storia […]

Don Ennio Borgogna e Maria Toni sono i “Maceratesi dell’anno”


di Matteo Zallocco “Ennio, Ennio, Ennio”. Sì è conclusa con un coro da stadio la serata di premiazione dei Maceratesi dell’anno, organizzata dal Carlino in collaborazione con Cronache Maceratesi e E’-tv e andata in scena venerdì al teatro Don Bosco. I ragazzi dell’oratorio, degli scout, del Sermigo e degli altri gruppi dei Salesiani hanno festeggiato […]

Don Ennio e la missione di educare alla gioia


di Matteo Zallocco “La mia missione è educare alla gioia e alla serenità e per farlo bisogna innanzitutto dare il buon esempio”. E in questo don Ennio Borgogna riesce da tanti anni con una simpatia unica, con il sorriso stampato sulle labbra e un lessico giovanile ricco di quei termini che usano i ragazzi con […]



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =