Il mondo balla per dire no alla violenza sulle donne

ONE BILLION RISING - Anche Tolentino partecipa alla “festa danzante planetaria per fermare il femminicidio”. Domani 14 febbraio alle 12 in piazza della Libertà. La petizione con le sottoscrizioni
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

one-billion-risingNel mondo sono un miliardo le donne vittime di violenza, un miliardo sono le donne (e le persone che amano le donne) invitate a far finire questa atrocità. Il 14 febbraio, la Festa degli Innamorati, è il giorno scelto per far sapere a chi l’ha dimenticato, qual è il giusto modo di trattare una donna. In tutto il mondo si ballerà sulle note di “Break the chain/spezza la catena”, testo scritto da  Eve Ensler drammaturga statunitense fondatrice del V-Day, movimento globale per eliminare la violenza sulle donne e sulle bambine. Le sue parole in musica accompagneranno la danza collettiva a cui hanno aderito e stanno aderendo migliaia di associazioni e organizzazioni di tutto il mondo. “Un miliardo di donne violate è un’atrocità, un miliardo di donne che ballano è una rivoluzione, un miliardo di donne che danzano scuoterà la Terra”. One Billion Rising  non appartiene ad alcuna organizzazione politica o partitica. È un evento autogestito.

Anche la città di Tolentino partecipa alla “festa danzante planetaria per fermare il femminicidio”. Giovedì 14 febbraio, alle ore 12, in piazza della Libertà si terrà il flash mob “One Billion Rising”. L’iniziativa è organizzata e voluta dalla Commissione comunale Pari Opportunità e dalla Consulta delle Donne, in collaborazione con le studentesse del Liceo Coreutico e gli istituti d’istruzione superiori “F. Filelfo” e  “R. Frau” sezione di Tolentino. La partecipazione alla manifestazione è libera e aperta a tutti. Sarà anche presente una rappresentante della Commissione provinciale delle Pari Opportunità. La piazza della Libertà di Tolentino giovedì a mezzogiorno sarà gremita di giovani donne  e giovani uomini che vogliono “gridare ballando” il loro no alla violenza sulle donne. Una piccola piazza che si unisce idealmente ai luoghi di tutto il mondo dove il flash mob si svolgerà, perché “un miliardo di donne che ballano è una rivoluzione”.

***

on billion risingUn documento che ha come prime firmatarie Barbara Pojaghi, docente dell’Università di Macerata  e Annalisa Cegna, direttrice dell’Istituto storico della Resistenza di Macerata, ha già raggiunto 240 sottoscrizioni ed è stato sottoposto a tutti i candidati della Regione Marche affinché si impegnino a contrastare la violenza sulle donne con azioni concrete. La proposta può essere sostenuta da tutti coloro che ne condividano l’ispirazione, i quali possono firmarla tramite l’invio dei propri dati (nome, cognome, professione, città) all’indirizzo mail: fermarelaviolenzasulledonne@gmail.com.  “L’iniziativa è da intendersi come la prima di una serie di altre attività volte ad approfondire il tema e a combattere la violenza sulle donne in tutte le sue forme.”

Il testo integrale con le sottoscrizioni:

FERMIANO LA VIOLENZA SULLE DONNE. La violenza sulle donne non è un problema delle donne. È sicuramente un problema culturale, di chi non ha sviluppato strumenti dialogici, di confronto, di rispetto, di consapevolezza del valore della differenza. La violenza sulle donne non si risolve con una ulteriore legge; le leggi attuali, anche buone, non riescono ad arginare il problema e ad aiutare le donne. Lo stato non è in grado di proteggere le donne; chi dovrebbe aiutarle è impreparato a farlo e spesso ripropone gli stessi atteggiamenti del violento denunciato; non con violenza fisica ma con violenza psicologica, sottovalutazione del problema e spesso derisione delle paure. Il problema delle violenza sulle donne è un segno del degrado della nostra società, è il segno che le relazioni sono basate su sentimenti di possesso, di dominio e di oggettivazione  L’allarmante aumento dei femminicidi a cui stiamo assistendo richiede uno sforzo molto complesso e va affrontato con un intervento consapevole della molteplicità degli elementi che lo determinano Vogliamo conoscere che progetto i politici hanno per risolvere un fenomeno di emergenza sociale assoluta e come pensano di svilupparlo.  Voteremo solo chi è in grado di capire che alla base di una società democratica è necessario investire in una qualità di relazioni tra generi, tra generazioni, tra diversità  Essendo stata ratificata in questi giorni la Convenzione di Istanbul del 2011 per la prevenzione e il contrasto della violenza contro le donne e della violenza domestica

Chiediamo alle candidate e ai candidati di

• Stabilire un sistema appropriato di raccolta di dati su tutte le forme di violenza contro le donne, e i suoi costi sociali, in maniera coordinata tra tutti i ministeri competenti, l’Istat, DIRE e le organizzazioni della società civile che operano sul tema con un approccio di genere; • Rafforzare il coordinamento e lo scambio di informazioni tra magistratura, polizia, assistenti sociali, operatori della salute mentale e sanitari che vengono in contatto con situazioni di violenza sulle donne;

• Assicurare che i tempi di prescrizione siano più lunghi per i procedimenti penali relativi ai reati di stalking e agli abusi in famiglia; • Colmare i vuoti normativi in materia di affido condiviso, attraverso la previsione di misure per la protezione di donne e minori vittime di violenza domestica diretta o assistita;

• Assicurare che tutti gli attori coinvolti nel settore del contrasto alla violenza sulle donne, come assistenti sociali, operatori sanitari, giudici, avvocati, forze dell’ordine, siano formati sull’argomento;

• Provvedere a finanziamenti certi e continui nel tempo per le case rifugio esistenti e i centri antiviolenza;

• Organizzare programmi di educazione per le scuole e le università, sull’identità di genere, la sessualità consapevole, la decostruzione degli stereotipi e al contrasto della violenza e dell’omofobia;

• Formare giornalisti sui temi della violenza contro le donne e all’uso di un linguaggio appropriato per divulgare adeguatamente le informazioni sugli episodi di violenza di genere e discriminazioni.

1. Barbara Pojaghi, docente universitaria, Macerata  2. Annalisa Cegna, Istituto storico per la Resistenza, Macerata 3. Rossella Monti, Avvocata, Macerata 4. Francesca Urbani, disoccupata, Recanati 5. Maria Luce Dragotto (impiegata Università di Macerata, Macerata  6. Giovanna Carosi, Impiegata CGLI, Martinsicuro 7. Michela Campagnoli, Cooperante, Recanati 8. Piero Rosse, Impiegato CGLI, Martinsicuro 9. Ilaria Sciadi Adel, Resp. Comunicazione Uff. Turistico Semusei, Sant’elpidio A Mare (Fermo) 10. Paola Nicolini, docente universitaria, Recanati 11. Anna Caramia, operatrice culturale e organizzatrice teatrale, Ancona 12. Carla Bufalini, impiegata Università di Macerata, Macerata 13. Antenucci Alessia, funzionaria c/o Fillea CGIL, Chieti 14. Giuliano Tromboni, disoccupato, Camerino (MC) 15. Valentina  Venanzoni, disoccupata, Serravalle di Chienti (MC) 16. Giovanni Tromboni, pensionato, Camerino (MC) 17. Terzina Ciuffoni, pensionata, Camerino (MC) 18. Monica Marchiani, insegnante, Recanati 19. Lina Caraceni, ricercatrice Università di Macerata, Urbisaglia (MC) 20. Mauro Gentili, impiegato, Macerata 21. Fabiola Scagnetti, Dirigente Scolastica, Macerata,  22. Tamara Lapucci, impiegata, Macerata 23. Agostino Regnicoli, dipendente pubblico, Montecassiano 24. Valentina Castellani, disoccupata, Recanati 25. Loretta Bentivoglio, giornalista, Macerata 26. Alessandra Florescu, giornalista, Macerata 27. Letizia Catarini, Insegnante scuola media superiore, Macerata 28. Rocco Gesualdi, dipendente del Ministero della Giustizia, Panni (FG)) 29. Emanuela Sabbatini, giornalista pubblicista, Macerata 30. Paola Papakristo, consulente, Ancona 31. Vanna Tubaldi, casalinga, Recanati 32. Barbara Vignoni, insegnante, Recanati 33. Patrizia David, docente universitaria, Ancona 34. Pierluigi Feliciati, ricercatore universitario, Candia 35. Ilenia Paciaroni, impiegata Università, Macerata 36. Rossela Favi, giornalista, Ancona 37. Rosella Mariotti, impiegata Univerità, Numana 38. Francesca Pesaresi, pensionata, Osimo 39. M. Eugenia Bartoloni, ricercatore universitario, Macerata 40. Simona De Introna, dietista Asur, Macerata 41. Rosita Roncaglia, insegnante, Recanati 42. Jader Giampieri Pojaghi, pensionata, Macerata 43. Michela Maria Marconi, operatore museale, Macerata 44. Mariangela Romanelli, pensionata, Macerata 45. Irma Berdini, pensionata, Macerata 46. Erika Belelli, psicologa, Recanati 47. Lorenzo Urbani, impiegato, Roma 48. Giorgio Balestrieri, libero professionista, Portici (NA) 49. Chiara Capone, impiegata, Pollenza 50. Valentina Sabatini Lucarelli, studentessa universitaria, Castelplanio 51. Letizia Bonfigli, Store manager Malo, Recanati 52. Luciano Pantanetti, avvocato, assessore comunale, Macerata 53. Emanuela Corvatta, consulente, Macerata 54. Paola Locatelli, fotografa, Macerata 55. Gianmarco Carosi, studente universitario, San Benedetto del Tronto) 56. Sabine Reischle, impiegata, Martinsicuro  57. Sandra Fazzini, impiegata, San Benedetto del Tronto 58. Antonella Renaldi, imprenditrice, Grottammare 59. Marina Bianchi, pensionata, Roma 60. Paola Gualano, libera professionista, Rimini 61. Paola Derito, impiegata, Palermo 62. Federica Cimmino, mamma, Livorno 63. Giuliano Del Toro, imprenditore, Martinsicuro 64. Giovanni Del Toro, pensionato, Martinsicuro 65. Sandro Carosi, impiegato, San Benedetto del Tronto 66. Maria Paola Agasucci, assistente sociale,  Macerata 67. Oriana Costarelli, insegnante, Macerata 68. Daniele Nalli, dirigente d’azienda, Macerata 69. Giulia Carosi, studentessa liceale, San Benedetto del Tronto 70. Annamaria Frangella, impiegata CGIL, Bellante  71. Daniele (detto Danilo) Sforza, impiegato, Martina Franca 72. Marco Broccoletti, intermediario assicurativo, Altidona 73. Roberto Gasperoni, impiegato amministrativo, Cork (Irlanda) 74. Danilo Sulis, Presidente Rete 100 passi, Palermo 75. Bacci Gino, impiegato, Roma 76. Laura Mandozzi, psicologa, Acquaviva Picena 77. Gabriele Censi, imprenditore, San Ginesio 78. Maria Grazia Ceci, impiegata CGIL, Colonnella 79. Michele Di Gennaro operaio, Mosciano Sant’Angelo 80. Luciano Binarelli, segretario provinciale Siena FP CGIL, Poggibonsi 81. Rosella De Troia, baby-sitter, Rimini 82. Roberta Catena, impiegata Università, Treia 83. Claudia Mancosu, Insegnante, Città Sant’angelo 84. Elena Lovascio, insegnante, Assisi 85. Elena di Giovanni, docente universitaria, Macerata 86. Piero Pallotta, cuoco, Pollenza 87. Sergio Labate, ricercatore universitario, Macerata 88. Marina Silenzi, bancaria, San Benedetto del Tronto 89. Tamarara Tronto, educatrice, Rimini 90. Sabina Pangrazi, cuoca, Rimini 91. Milena Tronto, pugile, Rimini 92. Simone Corradini, studente unversitario, Macerata 93. Mirko Giardetti, ingegnere,Macerata 94. Angela Maccarone, dottoranda, Ancona 95. Paola Valenti impiegata, Macerata 96. Giorgio Pasqualetti, impiegato all’ufficio legale Università, Macerata 97. Chiara Fermani, commerciante, Montegiorgio 98. Alessandro Traini, studente universitario, Nereto 99. Claudio Ricci, redattore étv macerata, Ortezzano (FM)) 100. Daniele Donati, insegnante, Castelraimondo 101. Elisabetta Croci Angelini, docente universitaria – Roma 102. Paolo Nanni, comunicatore socio-sanitario, Macerata 103. Chiara Calzolaio, dottoranda, Macerata 104. Sebastiano Porcu, docente universitario, Bologna 105. Elisabetta Addis, economista, Roma/Sassari 106. Elisa Attili, impiegata Università, Macerata 107. Lucia D’Ambrosi, ricercatrice universitaria, Roma 108. Meri Marziali, Formatore, Presidente Commissione Provinciale Pari Opportunità di Fermo, Monterubbiano 109. Maria Teresa Ercoletti, disoccupata, Macerata 110. Daniela Piergiacomi, impiegata, Macerata 111 Claudio Gaetani, Docente a contratto, Civitanova Marche 112 Valerio Calzolaio, Macerata 113.Paola Petrucci, Consigliera di Parità per la Regione Marche, Ascoli Piceno 114 Silvia Sparapani, Project Leader, Berlino 115 Valentina Sparapani Senior Scientist, Dublino 116 Giovanna Salvucci, Docente di Lingua Inglese, Urbisaglia (MC) 117 Stelvio Antonini, giornalista pubblicista, Montelupone (Mc) 118 Elena Carrano -Operatore culturale-Treia(MC) 119 Giuseppe Massetti, impiegato, Ascoli Piceno 120 Paride Dobloni, insegnante, Fano (Pesaro) 121 Lucrezia Cicconofri, insegnante, Serrapetrona (MC) 122 Ilaria Biagioli, insegnante, Bologna 123 Maria Pia Ercolini, insegnante, Roma 124 Laura Mocchegiani, Direttrice della Biblioteca Filelfica, Tolentino (MC) 125 Giulio Pantanetti, impiegato Urbisaglia 126 Alessandra Aronne, insegnante, San Severino Marche 127 Barbara Chiodi, giornalista free-lance, Macerata 128 Maila Pentucci, insegnante, Macerata 129 Michele Feliziani, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, Varsavia 130 Fabio Sparapani, pensionato, Macerata 131. Paola Pieroni Mazzante, impiegata Università – Porto Sant’Elpidio 132. Francesca De Vittor, ricercatrice universitaria di Macerata – San Vito al Tagliamento (PN)  133. Natascia Mattucci, ricercatrice universitaria – Macerata 134. Fabio Grillo, tecnico èTv Macerata – San Severino Marche (Mc) 135. Cinzia D’Orazio, avvocato – Macerata  136. Paola Sopranzetti , psicologa/psicoterapeuta – Macerata 137. Giacomo Galassi, impiegato – assessore – Recanati 138. Lucia De Luca, libera professionista – Macerata 139. Stefania Cappelloni, insegnante di nuoto-Macerata 140- Maria Grazia Fontani, insegnante – Livorno 141. Lia Minnucci, operatrice servizi immobiliari – San Giuliano terme 142.Mariella Guerrini, impiegata – Roma 143. Paola Ricci, disoccupata – Livorno 144. Evelyn Manoni, formatrice- Senigallia 145.Manuela Sorci, commessa – Senigallia 146. Maria Letizia Zanier, docente universitaria – Bolzano 147. Maria Eugenia Bartoloni, ricercatrice, Macerata 148. Benedetta Giovanola, ricercatrice, Jesi 149. Lia Valeri, pensionata,Livorno 150. Fedora Filippi, Archeologa Mibac, Roma 151. Lemmi Tatiana, casalinga,- Livorno  152. Maria Laura Tirabassi, disoccupata- Montegiorgio 153. Simone Carletti, Impiegato Università di Macerata, Treia 154. Aldo Caldarelli, tecnico audio/video,  Macerata 155. Lucia Compagnoni, Impiegata Università di Macerata, Tolentino 156. Brunella Paoli, impiegata Università di Macerata, Treia 157. Patrizia Silli, impiegata Università di macerata – Corridonia 158. Fiorenzo Formentini, impiegato Università di Macerata, Macerata 159. Andrea Zanni, bibliotecario digitale, Modena 160. Serena Sangiorgi bibliotecaria, Parma 161. Pietro Barucca, consulente, Senigallia 162. Pardini Cinzia, barista, Pisa  163. Eleonora Tiseni, disoccupata, -Porto Recanati  164. Rossella Pirillo,  Insegnante del Metodo Feldenkrais – Prato 165. Paola Maccaroni, infermiera – Recanati 166. Beatrice Medei, impiegata-Macerata  167. Valntina Ticino, architetto – Londra 168. Paola Venditti, impiegata – Roma 169. maria Grazia Micella, impegata – Calci (PI) 170. Carmela Froncillo, impiegata – Casale Marittimo (Pisa) 171. Annunziatina Beccacece, impiegata – Macerata 172. laura Conforti, funzionaria – Pisa 173. Alessandra Matteucci, insegnate scuola superiore – Pisa 174. Federica Curzi, assessore pari opportunità – Macerata 175. Stefania Rango, bancaria – Macerata 176. Carla Candiracci, venditrice Telecom – Macerata 177. Sara Verdini, educatrice asilo nido – Pollenza 178. Francesca Giagni,  funzionario del Comune –  Ferm 179. Maurizia Pasi,  impiegata Comune – Ravenna  180. Elisa Bolognesi, imprenditrce – Montefano 181. Laura Bellacicca, studentessa – Macerata 182. Antonella Bufano, cittadina attiva, psicoterapeuta – Ravenna 183. Giorgio Cipolletta, editor freelance – Macerata 184. Ines Corti, Docente universitaria -Macerata 185. Teresa Lambertucci, funzionaria, Morrovalle 186. Laura Partenio, studentessa – Macerata 187. Alberto Vitali, pensionato – Penna San Giovanni 188. Paola Dezi, impiegata Università – Macerata 189. Gaia Calamanti, impiegata Università – Macerata 190. Francesca Giagni, funzionario Comune – Fermo 191. Allegra Paci, imprenditrice – Senigallia 192. Giordana Sermoneta, attrice e regista dilettante – Roma 193. Sandra Soncini, attrice – Parma 194. Livia Terracina, traduttrice – Roma 195. Francesca Faragalli,studentessa – Teramo 196. Sabina Pavone, ricercatore universitario – Roma 197. Federica Scala, Macerata, studentessa universitaria 198. Debora Tavilla, disoccupata – Roma 199. Sara Camilletti, insegnante – Potenza Picena 200.Domenico Pioppi, pensionato – Recanati 201. Paola Mariano, Vicepresidente Provincia di Macerata, Monte San Giusto 201. Uoldelul Chelati Dira, Docente Università di Macerata, Macerata 202. Luciano Ferro Ragioniere pensionato Houthalen-Helchteren Belgio 203.Tullia Mauriello, Pedagogista clinico, Porto Potenza Picena (MC) 204. Federica Curzi, Assessore pari opportunità, Macerata 205. Lanfranco Pascucci, Insegnante, Tolentino 206. Sonia Ognibene, assistente scolastica per diversamente abili, Pollenza 207. Raffaella Virgili disoccupata, Treia 208. Lara Santarelli, insegnante, Jesi 209. Marco Zamponi impiegato dell’Università degli Studi di Macerata 210. Silvana Amati, Senatrice 211. Massimo De Nardo, copywriter, Tolentino 212. Michele Ciccarè, Studente Universitario, Penna San Giovanni 213. Gianna Angelini,libero professionista, Macerata  214. Ninfa Contigiani, ricercatrice univeristaria, Macerata 215. Franziska Kurth – Macerata opera festival – macerata 216. Luigi Migatta, impiegato, Esanatoglia (MC) 217. Simone Cambriani, agente di commercio, Roma 218. Angelica Bravi, consulente sindacale Cgil, Gagliole 219. Maurizio Tritarelli, artigiano, Presidente Provinciale CNA Macerata, Esanatoglia 220. Sandra Santalucia, impiegata, San Severino Marche 221. Marco Cuccioletta, studente universitario/operaio, Montelupone (MC) 222. Maria Paola Cassarani – Medico Veterinario – Ancona 223. Ludovica Novelli, studentessa, Macerata 224. Stella Balzano, studentessa, Ancona 225. Laura Bernardini, Architetto, Marsiglia 226. Michele Verolo. Studente. Macerata 227. Aderisco, Samantha Serrao, imprenditrice, Firenze 228. Sara Bonaventura, attrice, Firenze 229. Marilisa Gentili, insegnante, Macerata 230. Sara Laguni, studentessa, Macerata 231. Lorena Polidori, impiegata, Macerata 232. Marco Zamponi,impiegato Università degli Studi di Macerata 233. Felice Sapone, impiegato Asur, Civitanova Marche 234. Giorgio Pietrani, impiegato, Macerata 235. Graziamaria Marannino, impiegata, Macerata 236. Lucrezia Boari, avvocato, Macerata 237. Patrizia Nicolini, Commerciante di abbigliamento, Modena 238. Elisa Bolognesi, imprenditrice, Macerata 239. Donato Bevilacqua, Responsabile redazionale, Corridonia 240. Laura Partenio studentessa Macerata 241. Teresa Lambertucci, funzionaria, Morrovalle 242. Maurizia Pasi impiegata Comune di Ravenna (RA) 243. Laura Bellacicca, studentessa, Macerata

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X