Mazzata del giudice sportivo
sulla Civitanovese

SERIE D - Società multata di 2000 euro e una gara da disputare a porte chiuse. Squalifica di tre giornate per mister Cornacchini, Ridolfi, Ekani e Gianni. Anche la Jesina punita pesantemente per quanto accaduto nel derby contro la Maceratese
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Cornacchini

L’allenatore della Civitanovese Giovanni Cornacchini è stato squalificato per tre turni

Giornata amara per la Civitanovese, il giudice sportivo ha appena emanato il comunicato dove si legge che la società rossoblu è stata multata di 2 mila euro e dovrà giocare una gara a porte chiuse “Per avere propri sostenitori in campo avverso, per l’intera durata del secondo tempo, facendo uso di un megafono, rivolto espressioni gravemente offensive e minacciose all’indirizzo del direttore di gara. Al termine della gara, durante il rientro negli spogliatoi, gli stessi lanciavano sassi di piccole dimensioni all’indirizzo dei calciatori della squadra ospitante e del direttore di gara colpendo sia quest’ultimo al capo, sia gli stessi calciatori della squadra ospitante”. Squalifica di tre giornate invece per mister Cornacchini e altri tre giocatori rossoblu: Ridolfi, Ekani e Gianni. Insomma, una vera e propria mannaia si è abbattuta sulla formazione rossoblu. Anche la Jesina (per quello che è successo domenica contro la Maceratese) è stata fortemente colpita: 2 mila euro di multa e due gare a porte chiuse “Per avere, durante lo svolgimento della gara, propri sostenitori lanciato vari fumogeni che cadevano sul terreno di gioco nelle immediate vicinanze di un A.A. determinando l’interruzione della gara e difficoltà di respirazione sia all’Arbitro sia all’Assistente Arbitrale. Gli stessi sostenitori, dal settore loro riservato, lanciavano sul terreno di gioco due bombe carta una delle quali esplodeva con enorme fragore a poca distanza di un A.A. causandogli momentaneo stordimento ed inoltre lanciavano all’indirizzo del medesimo A.A. una bottiglietta di vetro di medie dimensioni (0.6 cl) che cadeva in prossimità dell’Ufficiale di gara. Sanzione così determinata anche in considerazione dell’idoneità del materiale pirotecnico utilizzato e dell’oggetto lanciato a cagionare gravi danni all’integrità fisica dei presenti”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X