La pornostar Valentina Nappi a Pornosophia
“Non mi concedo a un pubblico di bigotti”

L'attrice hard campana ha deluso il pubblico con un atteggiamento ostile nella prima serata di Popsopha a Civitanova Alta
- caricamento letture
VALENTINA-NAPPI-LUCREZIA-ERCOLI

Valentina Nappi con Lucrezia Ercoli

 

valentina-nappi-popsophiaIl primo sabato di Popsophia a Civitanova Alta ha registrato un successo di pubblico (forse oltre le 7000 mila persone del 2011) ma non sono mancate le polemiche. L’evento di punta, è stato quello al Chiostro di Sant’Agostino, non fosse altro per la singolarità dell’argomento. La serata dedicata alla Pornosophia, attesa tra polemiche e curiosità si è aperta con un provocatorio e sempre chiarissimo Simone Regazzoni che traccia, tra le altre cose, i nessi tra democrazia e pornografia, e si è conclusa con l’atteggiamento nietzschiano proteso tra parola e silenzio della pornostar Valentina Nappi. All’inizio del dibattito la 21enne attrice hard di natali campani ha aperto con una provocazione chiedendo al pubblico “Chi di voi si masturba?”. Solo due le mani alzate, una ripsota che ha provocato l’atteggiamento ostile della Nappi che si è rifiutata di parlare della sua esperienza sui set hard e tantomeno approfondire i rapporti tra filosofia e pornografia: “Non mi concedo a un pubblico di bigotti”.  Alle domande di Lucrezia Ercoli – figlia del direttore artistico Evio Hermas –  la Nappi ha risposto con superficialità e luoghi comuni per poi cercare di invertire i ruoli iniziando a fare lei dele domande. Ne è nato un battibecco, a tratti anche divertente, che però non ha fornito nulla al’approfondimento sul tema. L’attrice non ha parlato della sua esperienza e il pubblico un po’ deluso ha iniziato ad abbandonare il chiostro.

covatta-ercoli

Giobbe Covatta con il direttore artistico Evio Hermas Ercoli

 

Ma se non altro Popsophia ha… risparmiato visto che su una breve nota stampa dell’organizzazione si legge: “L’attrice hard  ha deciso di devolvere a favore del Festival il suo gettone di presenza (500 euro)”. E viste le difficoltà economiche con cui è nata questa edizione, poco non è.

In tanti hanno raggiunto Piazza della Libertà per assistere allo show di Giobbe Covatta e al corollario degli altri eventi, mentre un cartello recitante “teatro pieno”, campeggiava sulla porta dell’Annibal Caro dove si consumavano le “Cinquanta sfumature di grigio” di Rosetta Martellini, rilettura scenica, ironica e caustica del best seller erotico.

Il Chiostro Sant’Agostino ha registrato il tutto esaurito anche nel pomeriggio con la lectio sui rapporti tra tecnica e natura del filosofo Umberto Galimberti, già protagonista della prima edizione.

Prese d’assalto anche le altre postazioni: Il giardino della scienza con Pietro Valdiserra, il cortile dell’ex liceo con il reading/concerto di Massimo Del Papa e Paolo Benvegnù, lo spazio ex pescheria con la dissertazione su “Il pudore” con Monia Andreani e Lucia Tancredi.

Dopo il primo week-end, si tirano le fila del primo step della

corvatta-paniccià

La coordinatrice della mostra Inside Marilyn Valeria Paniccia con il sindaco di Civitanova Tommaso Claudio Corvatta

manifestazione, questa sera alle 23.30 con una conferenza stampa alla quale parteciperanno il direttore artistico Ercoli e l’assessore alla Cultura Giulio Silenzi. Se ormai non stupisce più il numero veramente elevato di pubblico partecipante che gli eventi di Popsophia riescono a catalizzare, ciò di cui vogliono parlare gli organizzatori è la capacità di aver messo sul campo, grazie al lavoro dei volontari, un numero tanto elevato di esposizioni, cultura e idee in un periodo di crisi come questo.

(redazione CM, foto di Luigi Gasparroni)

 

covatta-libro

valentina-nappi-popsophia1

Valentina Nappi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X