I cittadini si mobilitano
contro i tagli alle corse dei bus

MACERATA - Marina Santucci contesta la decisione dell'Apm e annuncia una petizione per il ripristino delle linee 6 e 11. "La regione decurterà 68mila euro, ma l'utile dell'azienda che viene dal Tpl è di 228mila euro"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
petizione-apm

Il foglio per la raccolta firme disponibile al bar Mercurio di Galleria del Commercio

Dalla nostra lettrice Marina Santucci, riceviamo:

“Gentile redazione, a seguito dei rilievi che ho fatto nei confronti del taglio delle linee da parte dell’Apm (leggi l’articolo) in misura superiore al 5%, sono emerse alcune cose importanti.
La prima è che l’Apm è in attivo, e sono nel trasporto pubblico locale, nell’anno 2010, ha avuto un utile netto di 228.000 euro. Si noti che il taglio regionale ammonta, annualmente, a 68.000 euro; se ne deduce che il taglio regionale è ininfluente, e che la scelta di Apm è puramente discrezionale e a mio avviso sbagliata, perché in tempi di crisi gli amministratori avrebbero dovuto effettuare una scelta inversa, ossia di potenziamento del trasporto pubblico.
La seconda cosa che è emersa è che il Dottor Cudini, presidente dell’Apm, alla luce delle eccezioni sollevate ha ammesso che il taglio delle linee non sarebbe più una questione di fondi, ma rientrerebbe in una “logica di riorganizzazione”, perché le linee 6 ed 11 sarebbero poco utilizzate, e quindi da inglobare nella circolare C.
A questo punto, dunque, l’azione del Comune  e dell’Apm appare poco trasparente; inoltre è falso che le linee 6 ed 11 fossero poco utilizzate ( le corse che arrivavvano in Piazza della Libertà alle 7.41 e 7.52, tagliate, erano – ad esempio – piene, sia di studenti che di lavoratori). Il trasporto pubblico locale, in una logica di miglioramento della qualità della vita delle persone , deve invogliare ed offrire un servizio ai cittadini ( in questo caso anziani, studenti, lavoratori, ovviamente paganti).
L’annunciata raccolta di firme contro il taglio indiscriminato delle linee 6 ed 11 è iniziata e sta proseguendo, riscuotendo molto successo. Chi fosse interessato a firmare la petizione popolare per il ripristino delle linee 6 ed 11 potrà farlo recandosi presso i più importanti esercizi commerciali della zona Mameli-Manzoni. La raccolta firme continuerà fino a domenica 8 magio, durante le festa della parrocchia Santa Madre di Dio; per informazioni si può telefonare al numero 328.6176644.
petizione-apm1-300x165La petizione sarà inviata, fra gli altri, a tutti i capo gruppo consiliari ed ai consiglieri del consiglio d’amministrazione dell’Apm, e sarà interessato il sindacato territoriale. Al vaglio anche la legittimità della delibera di giunta del 4 aprile, riguardante il taglio, al fine di una possibile impugnativa. Infine, prendo atto con piacere delle dichiarazioni del Dott. Cudini sul fatto che il piano sarebbe “sperimentale” e che “potrà essere rivisto dopo l’estate”; ma non posso non evidenziare che il piano andrebbe rivisto subito e che soprattutto appare illogico ed inopportuno procedere a “sperimentazioni” con l’anno scolastico ancora in corso e con utenti che hanno già pagato abbonamenti annuali per un servizio di trasporto di fatto eliminato”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X