Lista Ballesi e Macerata è nel Cuore
“Insieme contro la vecchia politica”

Presentato il nuovo gruppo consiliare: "Siamo aperti al confronto con le altre forze civiche, critichiamo fortemente l'operato dell'Amministrazione e della maggioranza, la verifica è stata una farsa e la città resta bloccata"
- caricamento letture
dalessandro-nascimbeni-ballesi

Francesca D'Alessandro, Fabrizio Nascimbeni e Giorgio Ballesi

di Matteo Zallocco

“Bisogna nobilitare la politica a Macerata”. Sembra essere questo lo slogan del nuovo gruppo consiliare Lista Ballesi-Macerata è nel cuore, presentato oggi in conferenza stampa.  “Uniamo le forze per lanciare un segnale forte” hanno sottolineato i consiglieri Giorgio Ballesi, Fabrizio Nascimbeni e Francesca D’Alessandro. “Riteniamo che in questo momento sia indispensabile riunire tutte le persone che sono in grado di portare un aiuto concreto a Macerata, al di là degli steccati ideologici”.
La posizione del gruppo è molto critica nei confronti dell’Amministrazione e del Partito Democratico ma traspare anche un certo malumore verso il Pdl.
“Siamo disposti al confronto e alla possibilità di un allargamento ad altre forze civiche ma solo con chi intende fare politica come servizio e non come mestiere”. In quest’ottica non è passata inosservata la presenza del consigliere Fabio Massimo Conti della lista “Conti-Macerata Vince”: “Con lui non c’è stato ancora nessun discorso – ha detto Ballesi – ma apprezziamo molto la sua presenza, è venuto ad ascoltare le nostre proposte ed è sicuramente un buon punto di partenza”.
E’ stato poi chiarito che la “Lista Ballesi” è e resta una formazione di centro, mentre “Macerata è nel cuore” è e resta una formazione di centro destra. Ma dopo aver sostenuto Pistarelli alle elezioni ora prendete le distanze dal Pdl? Risponde Nascimbeni: “Noi nasciamo civici e tali rimaniamo, ci guardiamo intorno per confrontarci con altre liste. Abbiamo preso le distanze sul modo di fare politica del Pdl in alcune situazioni come il recente caso Apm, ma non vedo uno strappo”.

ballesi

Giorgio Ballesi

Francesca D’Alessandro aggiunge che “quello che vogliamo dare è un segnale di unità con le altre forze civiche in un momento in cui tutti sono contro tutti, sia a livello nazionale che nel nostro Consiglio comunale”.
Ballesi, dal canto suo, non ha certo abbandonato l’idea del Terzo Polo di cui tanto si era parlato in vista delle elezioni del 2010: “Guardo alla formazione di un Polo centrista, è importante iniziare a lavorare per trovare una comunione di intenti”.
Un giudizio fortemente critico nei confronti dell’Amministrazione e della maggioranza accomuna i tre consiglieri: “La verifica ha rivelato soltanto l’incapacità di chiarire contrasti ormai insanabili. Bisogna lottare contro quella difesa delle poltrone che per il centrosinistra continua ad essere il problema maggiore – attacca Giorgio Ballesi – . A questa città manca uno spessore politico-culturale, se ci fosse stato non sarebbe mai nata la polemica sull’Apm per la quale anche il Pdl ha dimostrato pochezza di idee. Macerata è piena di gente che sa fare e sarebbe pronta a fare”.
Come vi ponete di fronte alla mozione di censura del Pdl che accusa il sindaco per incarichi ricevuti dall’Apm? “Trovo assurdo – risponde Ballesi – che nonostante la chiarezza delle cose qualche consigliere insiste a dire che Carancini ha difeso l’Apm. Noi abbiamo chiesto di cambiare la mozione e se non sarà fatto lunedì presenteremo un emendamento perchè, come ho già detto, va distinto l’aspetto giuridico (non vi è nulla di penalmente rilevante) da quello politico (il comportamento di Carancini è comunque inopportuno). A chi sostiene che intervengo solo in modo giuridico rispondo che sono stufo di sentire strafalcioni, vorrei vedere più serietà altrimenti risulta difficile fare politica. Un altro problema – aggiunge Ballesi – è che Amministrazione e  maggioranza non fanno nulla e resta difficile criticare sempre e solo il nulla. Bisogna avere qualcosa di concreto da giudicare e noi saremo sempre onesti, apprezzando ciò che sarà fatto bene e criticando ciò che sarà fatto male. Ma la verifica ha dimostrato che la cosiddetta nuova storia di Carancini non esiste, hanno bloccato la città per quattro mesi senza concludere niente,  facendoci assistere al solito spettacolo vecchio e logoro. Comunisti e Idv non sono stati in grado di fare niente perché la vecchia nomenclatura del Pd  a Macerata ha occupato tutto. E’ l’ennesima prova di come sindaco, giunta e maggioranza considerino Macerata ed i maceratesi niente di più che un palcoscenico dove recitare continue farse”.

(foto di Guido Picchio)

conf-stampa-ballesi-nascimbeni

Fabio Massimo Conti ascolta...

dalessandro-nascimbeni-ballesi2-300x241



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X