Tanti Consigli comunali
Poche decisioni per la città

Respinta la mozione di Macerata è nel cuore per chiedere di realizzare il parcheggio di Rampa Zara con gli introiti dell'Apm
- caricamento letture
consiglio_comunale_12102010_18-300x200

Francesca D'Alessandro e Fabrizio Nascimbeni (Macerata è nel Cuore)

 

di Alessandra Pierini

Nove giorni del mese di marzo sono stati dedicati al consiglio comunale e nei primi 11 giorni di aprile ben 4 hanno visto l’assise comunale riunita. Una frequenza tale potrebbe essere giustificata da argomenti di grande spessore, da scelte di tale rilevanza da poter condizionare il futuro della città. Così non è. Spesso il dibattito è lento, sonnacchioso e gli interventi non sono particolarmente illuminanti eppure si continua, quasi per inerzia, a parlare in attesa delle ore 21, limite tassativo  stabilito per il termine della seduta. Va bene il confronto politico, va bene la discussione democratica che può sempre diventare fonte di spunti ma da tanto dibattito non scaturiscono mai le soluzioni a quei problemi che pur non mancano.
I banchi per gran parte del tempo restano vuoti e sono sempre più frequenti le richieste di verifica del numero legale e neanche la discussione in merito al parcheggio di Rampa Zara riesce più a riscaldare gli animi.

consiglio_comunale_febbraio-21-300x199

Fabio Massimo Conti (Macerata Vince)

Così anche oggi è andata in scena un’altra scialba seduta. Poteva essere la mozione relativa allo spostamento degli uffici urbanistici a vivacizzare la situazione ma è stata rinviata.

Il consiglio è iniziato con le interrogazioni di Fabio Massimo Conti (Lista Conti – Macerata vince) che ha chiesto all’amministrazione di intervenire a sanare lastre di cemento lesionate che si trovano in Corso Cavour e e di sapere quando è stato fatto il collaudo della Galleria delle Fonti.

E’ stato approvato all’unanimità l’ordine del giorno di Maurizio Del Gobbo (Pd) che ha esortato l’amministrazione a un tavolo di lavoro con le associazioni: «I fondi destinati alle associazioni in ambito di servizi sociali sono sempre minori, nel frattempo aumentano le richieste di interventi in ambito socio assistenziale. A questo punto entrano in gioco le associazioni del settore Assistenza e Volontariato, sono più di 70 a Macerata. Il loro attivismo andrebbe canalizzato e coordinato da una struttura centrale adeguata».
Voto unanimemente favorevole anche per la mozione presentata da Luigi Carelli (Pd) che ha chiesto all’amministrazione comunale di interessarsi per la realizzazione di un sottopasso a VillaPotenza in zona centro fiere. Il sottopasso era stato progettato per collegare il tracciato della strada provinciale all’area comunale e Provincia e Comune di Macerata avevano firmato un accordo di programma che prevedeva la realizzazione dell’opera.

consiglio_comunale_febbraio-16-300x199

Bocciata, invece, con il voto contrario di tutta la maggioranza  la mozione di Fabrizio Nascimbeni (Macerata è  nel cuore) presentata per impegnare l’Amministrazione comunale a dare  indirizzo alla propria controllata APM SpA di investire gli utili derivanti dalla gestione dei parcheggi nella realizzazione del tanto agognato parcheggio di Rampa Zara. La mozione conteneva anche un’altra indicazione: «Sappiamo che l’Apm – ha spiegato Nascimbeni – sta trattando la concessione in affitto da parte della Saba Italia del ramo d’azienda costituito dai beni e dal personale del parcheggio dei Giardini Diaz per il quale è previsto il riconoscimento alla Saba di 150.000 euro. Impegniamo la Giunta a non dare indicazioni di favore rispetto all’operazione». L’assessore Marco Blunno ha replicato sottolineando la sua predilezione al  project financing: « Non legherei la questione del parcheggio ad un discorso di redditività. Preferirei attuare il project financing cioè costruisco e intanto finanzio la costruzione con i proventi della gestione». Narciso Ricotta (Pd) ha sottolineato un’altra esigenza: « La gestione unica dei parcheggi è indispensabile per la città, è un’esigenza diffusa e sentita. E’ necessario un interlocutore unico che preveda un’unica modalità di pagamento o al quale l’amministrazione possa rivolgersi per particolari esigenze».

consiglio_comunale_12102010_03-300x200
Mentre  Pistarelli (Pdl) ha suggerito di andare a rivedere tutto il sistema dei parcheggi e in particolare quello dell’ospedale  che è il più costoso della città, Guido Garufi (Idv) ha ribadito il potere ispettivo del consiglio e la su volontà di svolgerlo fino in fondo. Fabrizio Nascimbeni, presentatore della mozione, è apparso amareggiato dal dibattito: « Ci potrebbero volere al massimo due mesi per partire con i lavori per il  parcheggio di Rampa Zara ma, come hanno ripetuto quelli che sono in consiglio da molto più tempo di me,  noi qui discutiamo da 30 anni e non si è fatto ancora niente».

Il consiglio riprenderà domani pomeriggio.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X