Longo non basta al Corridonia
Al Recchioni brinda la Fermana

ECCELLENZA - Ospiti in vantaggio poi i canarini calano il tris
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
LONGO

Gianluca Longo del Corridonia

 

di Fabio Ciarlantini

La terribile matricola Corridonia cade nella trentaseiesima giornata del torneo di Eccellenza al “Recchioni” di Fermo per 3-1. Nonostante il vantaggio iniziale, siglato al 6’ da Longo, la squadra di mister Ciarlantini non è riuscita a tener testa ad una solida Fermana che non si è per nulla disunita, anzi, ha trovato il pareggio al 21’ con Ekani ed il vantaggio in chiusura di parziale al 45’ con Paris. L’ultima realizzazione di Draca in contropiede all’82’ ha posto la parola “fine” all’incontro. Passano appena centottanta secondi per la prima azione di cronaca con Bolzan che scheggia la parte superiore della traversa, ma gioco comunque fermo per off-side. Al 6’ su un pallone vagante al limite dell’area, rossoverdi in vantaggio con Longo che calcia di prima intenzione, trafiggendo imparabilmente Castorani. I canarini impiegano qualche minuto per riorganizzarsi, affidandosi prevalentemente alle vivaci iniziative di Paris sulla sinistra grazie. In una delle sue imperiose discese nasce il cross, sul quale Ekani al 21’ trova lo stacco vincente per il gol dell’1-1. Episodio rilevante al 36’: durante un calcio piazzato Bolzan e Barucca si abbracciano calorosamente e il direttore di gara Paoletti di Ascoli opta per un rosso diretto all’indirizzo di entrambi i numeri cinque. Il Corridonia rimane schiacciato nella propria metà campo e sul finire della prima frazione di gioco la Fermana fa le prove tecniche del vantaggio. Prima al 43’ Ekani sciupa al cospetto di Franzese, poi, trascorsi due primi, Paris con un sinistro a giro sul palo lungo porta al riposo i gialloblù sul risultato di 2-1. L’intensità e l’agonismo scemano nella seconda metà avara di emozioni con la Fermana accorta in difesa e rapida nelle ripartenze, mentre i cambi del tecnico Ciarlantini non sortiscono gli effetti sperati. All’82’ il neo entrato Draca, dopo aver gettato via una ghiotta occasione in precedenza, assesta il colpo, battendo con agevolezza Franzese in uscita per il definitivo 3-1. La Fermana torna in vetta alla classifica, in attesa che l’Ancona recuperi contro il Real Metauro. Per il Corridonia una sconfitta che non pregiudica definitivamente il sogno play-off, a patto sempre che gli stessi canarini si impongano nella categoria.

il tabellino:

FERMANA: Castorani 6, Ekani 7, Gentile 6, De Reggi 6,5, Bolzan 6, Morbidoni 6 (35’ Pantera 6), Fiorotto 5,5 (52’ Alagia 6), Parlato 5,5, Tomeo 6, Vitali 6,5, Paris 7,5 (68’ Draca 6,5). A disp.: Aquilanti, Bagalini, Martorana, Vitale. All. Cornacchini.

CORRIDONIA: Franzese 6, Troli 5,5, Martinelli 6, Agus 6,5, Barucca 6, Parise 6 (46’ Gentilucci 6), Taglioni 5,5 (58’ Marasca 5,5), Longo 7, Bugiolacchi 6 (46’ Raffaeli 5,5), Dell’Aquila 6, Rosi 5,5. A disp.: Giri, Zuffati, Moroni, Lucaroni. All. Ciarlantini.

ARBITRO: Paoletti di Ascoli Piceno 6.

RETI: 6’ Longo, 21’ Ekani, 45’ Paris, 82’ Draca.

NOTE: 800 spettatori con buona rappresentanza ospite. Ammoniti: 12’ Rosi, 14’ Ekani, 45’ Parise, 71’ Agus, 79’ Dell’Aquila. Espulsi: 36’ Bolzan e Barucca per atteggiamento violento. Angoli: 6-1. Recupero: 3’+2’.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X