Helvia Recina, Agnetti non basta
Il Villa Musone si tiene stretto il 2-2

LA PARTITA DELLA SETTIMANA IN SECONDA CATEGORIA
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Villa-Musone-1-300x225

Una fase del match tra il Villa Musone e l'Helvia Recina

di Andrea Busiello

Una battaglia senza esclusione di colpi quella tra Villa Musone ed Helvia Recina, rispettivamente prima e seconda del torneo di Seconda categoria girone E. A dire il vero il 2-2 finale non rispecchia quello che si è visto in campo dove l’Helvia Recina ha senza dubbio dimostrato di essere superiore rispetto al Villa Musone. Capitolo a parte merita la direzione arbitrale, apparsa gravemente insufficiente e particolarmente penalizzante per la truppa di patron Micozzi. Nel 2-2 finale spicca la bella doppietta di bomber Andrea Agnetti, che non basta ai suoi per vincere la gara. Prima di entrare nella cronaca della sfida vanno menzionate le due azioni chiave che hanno visto il direttore di gara prendere un clamoroso abbaglio. Il penalty concesso per fallo di Bove su Piampiani è apparso assurdo a tutti i presenti, tranne che al direttore di gara, il signor Pigliapoco di Ancona. Nella ripresa la seconda follia del direttore di gara, che ha espulso Forestieri per un qualcosa che solo lui stesso dovrebbe aver visto, dato che dalla tribuna il fallo fischiato sembrava un normale contrasto di gioco. Ma veniamo alla gara, che come detto si è chiusa sul 2-2. Al 2′ ospiti subito in vantaggio con Agnetti che realizza in spaccata sugli sviluppi di una punizione calciata da Pietrella. La retroguardia dell’Helvia si addormenta e permette ad Agostinelli di siglare il pareggio al 4′. Nemmeno cinque giri di lancette e punteggio che muta due volte. Al 15′ ci prova un ottimo Boukal con un preciso colpo di testa, miracolo di Pantanetti. Il 2-1 dell’Helvia Recina è una gemma di Agnetti: calcio di punizione dai 30 metri e bolide sotto la traversa con Pantanetti che non può nulla. Al 30′ altra ghiotta opportunità per l’Helvia Recina sempre con Agnetti che però questa volta da dentro l’area si fa ipnotizzare da Pantanetti. Al 33′ l’invenzione del direttore di gara che decreta un penalty per i locali per un presunto fallo di Bove su Piampiani ma la sensazione dalla tribuna è che il direttore di gara abbia preso una topica incredibile. Dal dischetto lo stesso Piampiani realizza il gol del 2-2. Nella ripresa ci prova due volte Pietrella per l’Helvia Recina ma i suoi tentativi non vanno a buon fine. C’è il tempo di un bel salvataggio di Bove su Da Silva al 30′ e di un’altra perla del direttore di gara: rosso diretto a Forestieri per una dubbissima gomitata a centrocampo. Nel finale l’Helvia rischia ma Messi miracoleggia su Caporaletti. Finisce 2-2 con tutta la dirigenza dell’Helvia Recina imbufalita per il trattamento arbitrale. A fine gara il presidente Micozzi ha usato parole durissime: “Si è trattato di una vera e propria rapina. Mi auguro che il commissario di campo abbia visto tutto perchè un arbitraggio di questo genere è pazzesco”.

IL MIGLIORE IN CAMPO: Andrea Agnetti (Helvia Recina). Realizza una bella doppietta, è un punto di riferimento prezioso per l’attacco dell’Helvia. Bellissimo il secondo gol, da rapinatore d’area il primo.

Villa-Musone-3-225x300

L'attaccante dell'Helvia Recina Tar Boukal

il tabellino:

VILLA MUSONE: Pantanetti 6.5, Martarelli 6 (60′ Bonifazi 6), Maresca 5.5, Fratini 5.5, Leonardi 6, Saccani 6, Caporaletti 5.5, Agostinelli 6.5, Piampiani 6 (35′ Costarelli 6), Fossatelli 6, Palanca 6 (66′ Da Silva 6). All: Bonifazi 6.

HELVIA RECINA: Messi 6.5, Zamponi 6, Bove 6.5, Mogetta 6, Coperchio 5.5 (53′ Forestieri sv.), Bracaccini 6, Pietrella 7, Fabbri 6, Boukal  7 (90′ Carnevali sv.), Agnetti 8, Pollastrelli 6(80′ Gigli sv.). All: Gasparrini 6.

ARBITRO: Pigliapoco di Ancona 4.

MARCATORI: Agnetti 2′ e 28′, 4′ Agostinelli, 33′ Rig. Piampiani.

NOTE: Spettatori 100 circa. Espulso Forestieri al 77′. Ammoniti Fratini, Costarelli e Pietrella.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X