Baldassarri e Bocchino a Macerata
per presentare Futuro e Libertà
Corrado Speranza coordinatore provinciale

Divisione con Giulio Conti: "Non mi hanno invitato ma sono venuto lo stesso"
- caricamento letture

baldassarri_bocchino_09-300x200

di Alessandra Pierini

Futuro e Libertà, il partito fondato da Gianfranco Fini, in seguito alla spaccatura insanabile con Berlusconi e con il Pdl, prende forma anche nelle Marche e a Macerata.
Alla presenza dei consiglieri regionali FLI delle Marche, dei responsabili di Generazione Italia Provincia di Macerata e dei consiglieri comunali della provincia che hanno aderito, i parlamentari Italo Bocchino e Mario Baldassarri, che a luglio hanno promosso i rispettivi gruppi FLI alla Camera ed al Senato hanno presentato le linee guida del partito.
L’incontro si è aperto con la presentazione delle iniziative di Generazione Italia e con l’annuncio della nomina di Corrado Speranza che sarà coordinatore provinciale di Futuro e Libertà in attesa delle votazioni, via web, attraverso le quali tutti gli iscritti al partito sceglieranno i segretari e i componenti dei vari direttivi.

baldassarri_bocchino_08-300x266

Mario Baldassarri ha ripercorso le tappe che hanno portato a maturare la decisione di fondare un nuovo partito e ha concluso: «Cosa risolve il voto? Dopo che saremo andati alle urne, resteranno comunque i problemi dei cittadini e la risposta politica deve essere diversa da quella che è stata data finora. In questa fase è in gioco futuro e libertà, non del partito ma dell’Italia.» E’ stato lo stesso Baladassarri a introdurre Italo Bocchino: «Ringraziamo Italo che è arrivato direttamente da Roma da dove è partito al termine della seduta parlamentare. Come sai io ho qualcosa a che fare con la Quadrilatero e se i lavori fossero terminati, avresti risparmiato un’ora di viaggio.»

baldassarri_bocchino_05-300x200

Bocchino ha indicato i punti cardine del nuovo partito appena costituito: «La nascità di Futuro e Libertà mostra come ci sia nel Pdl uno smottamento che non deriva dal distacco da un progetto iniziale che abbiamo condiviso ma dall’incapacità a realizzarlo. Abbiamo restituito le nostre poltrone per un senso di responsabilità verso gli italiani e per generare discontinuità con un partito reale.»
Il parlamentare ha anche indicato i modi di operare di Fli: «La novità del nostro evento in Umbria è stata la partecipazione e la condivisione anche dalla rete. Useremo il web anche per l’iscrizione: i partiti prendono già soldi pubblici perciò chiederemo solo 10 euro a chi si iscriverà con una semplice operazione. Gli iscritti prenderanno parte all’assemblea costituente del 14, 15 e 16 gennaio e saranno loro a decidere cosa voteremo.»

baldassarri_bocchino_10-300x200

Bocchino ha anche riassunto l’attività di Futuro e Libertà in un comandamento e due parole chiave: «Siamo ancorati al centro destra, non faremo parte di un polo centrale ma costruiremo il vero centro destra come Berlusconi non ha fatto. I punti cardine saranno la sussidiarietà che assicuri a tutti una vita dignitosa e l’ambiente  che non va inteso come blocco allo sviluppo. Costruiremo il nostro partito convinti che la nostra missione è cambiare la politica italiana e non proporre l’ennesimo partito.»
Presente tra il pubblico anche Giulio Conti che ha da sempre manifestato la sua solidarietà a Gianfranco Fini ma oggi non era stato invitato all’incontro: «Non mi avevano invitato ma sono venuto lo stesso – ci ha detto – a quanto pare ci sono già diverse correnti all’interno di questo partito.»

(Foto di Guido Picchio)

baldassarri_bocchino_06-300x215

baldassarri_bocchino_04-300x200

baldassarri_bocchino_02-300x200

baldassarri_bocchino_01-300x263



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =