La sopraelevata
della Quadrilatero
divide Civitanova

Alla fine della Superstrada
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
conferenza-stampa-P.D.

Antonio Recchioni e Francesco Micucci (foto di Roberto Vives)

di Laura Boccanera

Rivoluzione urbanistica per Civitanova e divampano le polemiche: a tenere banco in questi giorni è il progetto relativo alla costruzione di una sopraelevata che collegherà la superstrada a via Aldo Moro. E se la Quadrilatero, la società che in questi anni ha costruito l’asse di collegamento con l’Umbria ha già presentato sul proprio sito internet l’avviso pubblico per la procedura di esproprio, i residenti sono sul piede di guerra. E non solo: a non volere il collegamento viario è anche l’opposizione civitanovese che ha richiesto questa mattina di inserire tra i punti all’ordine del giorno del consiglio comunale (in prima convocazione stasera ma non se ne farà niente visto il termine di almeno 24 ore necessario per la discussione) il problema sopraelevata. E intanto è iniziata anche una raccolta firme per scongiurare la “rivoluzione” viaria: una corsa contro il tempo dal momento che i termini scadono il 30 settembre e per quella data il consiglio comunale dovrà pronunciarsi, dopo di che il Ministero passerà alla convocazione della conferenza dei servizi per studiare la fattibilità e gli interventi di realizzazione. 10 consiglieri di opposizione criticano aspramente il progetto: <<provocherà l’intasamento della zona sud – dice Antonio Recchioni  – 4 corsie provenienti dall’Umbria e dalla costa tirrenica si riverseranno praticamente sul lungomare: si potrebbero impiegare quei 20 milioni per altre opere, magari la variante alla strada statale 16 o al ponte sul Chienti in via Einaudi>>. Tutto è dunque rimandato al 30 settembre, data di seconda convocazione del consiglio comunale. Stasera tra i punti che verranno affrontati le variazioni sul bilancio e il prelevamento dal fondo di riserva, gestione delle farmacie comunali e nomina del consigliere comunale straniero aggiunto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X