Finalmente una grande Lube
Violato il Palapanini di Modena

I biancorossi vincono 3-1 gara 1 dei quarti di finale, decisivo Swiderski
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Swiderski-contro-Modena

Alla fine si sente solo il boato degli oltre 250 tifosi giunti da Macerata. La Lube Banca Marche fa la voce grossa al Pala Panini, aggiudicandosi Gara 1 dei quarti con la Trenkwalder con un 3-1 (25-23, 20-25, 25-19, 25-23) figlio di una grande prova di determinazione e di continuità, che ha messo in vetrina delle lievi sbavature soltanto nel secondo set. Con Swiderski schierato in campo dall’inizio al posto di Cisolla, gli uomini di De Giorgi si sono resi protagonisti di una grande prestazione corale, con dei veri e propri acuti da campioni da parte dei singoli nei momenti più importanti di ogni set. Stankovic e Podrascanin decisivi nel parziale d’apertura (per Stankovic 10 punti finali, con l’89% in attacco e 2 muri, per Podrascanin 7 punti con 2 muri), Martino sontuoso per costanza ed efficacia sia in ricezione (56% su 25 palloni) che in attacco (15 punti, 60%), Omrcen in continua crescita fino ad esplodere nel decisivo quarto set (20 punti, 49% in attacco, 1 ace: è votato Mvp) e poi gli altri, con Swiderski che mette a terra 13 palloni tutti importantissimi, Corsano che strappa applausi a più riprese con le sue difese, e Vermiglio che si esprime su livelli altissimi, mandando più volte i suoi attaccanti a schiacciare col muro a uno. Mercoledì prossimo alle 20.30 il secondo round, stavolta al Fontescodella, dove si attende il pubblico delle grandi occasioni. Da lunedì mattina riprende la prevendita dei biglietti presso la segreteria Lube, nel palasport maceratese.

La cronaca
1° SET – Prima stagionale da titolare per Seba Swiderski, schierato in banda con Matteo Martino. Per il resto nel sestetto biancorosso Vermiglio e Omrcen formano la diagonale d’attacco, Podrascanin e Stankovic sono i centrali, Corsano il libero. I padroni di casa schierano invece Esko-Dennis, Diaz-Casoli, Kooistra-Piscopo, Manià libero.
Il cambio palla che vale il +3 al secondo time out tecnico lo conquista Martino, innescato da Vermiglio con una pipe (16-13). Il set torna però in perfetto equilibrio con la battuta di Biribanti (16-16), entrato al posto di Piscopo proprio per quel fondamentale. Sul servizio di Dennis Paparoni entra per Swiderski in seconda linea, con il polacco che tornerà in campo sul 20-20. La Lube torna in vantaggio con l’attacco di prima intenzione di Stankovic sulla ricezione lunga dei modenesi (servizio di Podrascanin, 22-21 e time out Prandi), quindi il muro di Stankovic su Piscopo per il 23-21. Il 24-22 arriva con un muro di Swiderski su Dennis, a chiudere il set sul 25-23 ci pensa invece ancora Stankovic, indub biamente uno dei migliori in questo parziale (per lui 6 punti con 2 muri).

Martino-contro-Modena

2° SET – De Giorgi ferma il gioco con un time out, la Trenkwalder trova invece il break con un ace di Dennis, aiutato dal nastro (15-13). I padroni di casa allungano subito a +3 ancora col cubano (gran diagonale, 16-13), quindi vanno sul 18-14 dopo un muro ai danni di Martino. Sul 14-19 De Giorgi prova la carta Bartoletti al posto di Omrcen, ma Modena assesta subito il colpo di grazia firmando un altro ace (Kooistra) con la complicità del nastro: 21-16, il set si chiude sul 25-20 dopo un errore al servizio di Omrcen, appena rientrato.

3° SET – La parità si registra a quota 12, anche se i biancorossi tornano immediatamente a +3 (15-12), grazie a due errori di fila degli avversari. Il 18-14 per la Lube è firmato da Podrascanin con un mu ro su Dennis: Prandi toglie il bomber cubano inserendo Biribanti, ma Omrcen (in crescita dopo un avvio difficile) mette a terra l’attacco del +5 (19-14) costringendo ancora il tecnico di casa a fermare il gioco. La reazione dei padroni di casa arriva col servizio del solito Diaz, che rimonta fino al -2 (18-20). Il venezuelano lascia poi il posto a Cuturic, segue un errore di Kooy che riporta i biancorossi a +4 (22-18), chiudendo virtualmente il parziale. L’ultimo pallone lo mette a terra Swiderski, con un ace che vale il 25-19.

4° SET – I padroni di casa si riprendono un nuovo break con Dennis (11-9), rimedia però ugualmente applausi la Lube per delle straordinarie difese firmate da Corsano e Martino. Di Stankovic il punto dell’11 pari, che arriva con un colpo di prima intenzione. Biancorossi avanti 16-15 al secondo time out tecnico, con Martino grande trascinatore. Si cammina punto a punto fino a quota 18, poi il muro di Kooistra su Omrcen che vale il break per i gialloblu. Il croato trova la nuova parità con un contrattacco da applausi (20 pari), sul 22-21 per Modena De giorgi rafforza la seconda linea inserendo Paparoni per Swiderski (Modena ripropone Piscopo per Kooy). Podrascanin mura Diaz per il 23-22, quindi ancora il serbo a segno stavolta col primo tempo per il 24-22. Omrcen chiude sul 25-23, i biancorossi epugnano il Pala Panini 3-1.

Il tabellino
TRE NKWALDER MODENA: Manià (L), Ciabattini (L), Soli n.e., Kooistra 9, Cuturic, Dennis 19, Pagni n.e., Kooy 5, Biribanti 2, Esko 4, Casoli 9, Diaz 17, Piscopo 4. All. Prandi.
LUBE BANCA MARCHE: Raymaekers n.e., Cisolla, Paparoni, Vermiglio 1, Bartoletti, Smerilli (L), Stankovic 10, Martino 15, Monopoli n.e., Corsano (L), Omrcen 20, Swiderski 13, Podrascanin 7. All. De Giorgi.
ARBITRI: Rapisarda (UD) – Barbero (GE).
PARZIALI: 23-25 (25’), 25-20 (30’), 19-25 (28’), 23-25 (30’).
NOTE: Spettatori 3326, incasso 22829 Euro. Trenkwalder bs 19, ace 7, muri 9, errori 8, ricezione (53% (19% prf), attacco 48%. Lube bs 15, ace 3, muri 9, errori 8, ricezione 51% (15% prf), attacco 54%.

Stankovic-contro-Modena

Tifosi-Lube-a-Modena



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X