Lube, Giulianelli è duro con i suoi:
“Abbiamo toccato il fondo
Sono tutti in discussione”

Il patron: "Lo scudetto? Siamo realisti, ci vorrebbe un miracolo"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

giulianelli

di Andrea Busiello

La sconfitta della Lube in Champions ha lasciato dei strascichi inequivocabili, è assurdo che una squadra del valore della Lube si faccia battere sia in casa che in trasferta dal modesto ma volenteroso Bled. E’ innegabile che qualche meccanismo non gira a dovere perchè altrimenti tutti questi campioni che indossano la casacca biancorossa dovrebbero dare di più, ed invece le cose vanno male. Prima sconfitta nella Supercoppa Italiana, poi eliminazione in Coppa Italia, infine la mazzata della Champions; se ci si abbina che in campionato non si è quasi mai stati tra le prime quattro ecco che la fotografia della stagione è fin qui fallimentare. Noi abbiamo analizzato varie situazioni con il patron dei cucinieri Fabio Giulianelli (nella foto) che in tal senso è stato decisamente chiaro.

Giulianelli, con l’eliminazione in Champions si è toccato davvero il fondo…

“Questo è uno dei punti più bassi mai raggiunti dalla Lube. La Champions era un obiettivo importante al quale tenevamo in maniera particolare ed invece siamo usciti contro una squadra che ha messo in campo tanta voglia, ma tecnicamente era nettamente inferiore a noi. Se eravamo usciti in finale sarebbe stato diverso, ma così fa davvero male”.

Come spiega questa doppia prova scilaba e priva di mordente dei biancorossi contro il Bled?

“Ma io più di spiegare questa doppia sfida ancora non mi capacito di come la squadra abbia questi continui alti e bassi. Siamo già fuori da tutte le competizioni e questo fa malissimo, perchè mi ha fatto rendere conto che non siamo una squadra forte. La Lube di quest’anno vive nella mediocrità”.

Inutile stare a fare giri di parole: chi non l’ha soddisfatta fino ad oggi in questa Lube?

“Non voglio fare nomi ma dico che se lo standard di alcuni giocatori che abbiamo comprato e pagato doveva essere 7-8 in questa stagione non si va oltre al 6. E’ brutto affermare una cosa del genere ma la verità è che manca la squadra. Qui hanno colpe tutti”.

Una stagione fino a questo momento fallimentare: crede nello scudetto per salvare l’annata (dall’altra parte del telefono si ascolta una risata sarcastica)?

“Siamo realisti, so benissimo i limiti di questa squadra e sono tanti. Credo che per vincere lo scudetto ci vorrebbe un miracolo, solo quello. Non c’è niente che mi faccia credere il contrario. Contro le squadre più forti abbiamo sempre perso e dunque purtroppo sono consapevole che la Lube di questa stagione ha palesato dei limiti tecnici enormi”.

La panchina di coach De Giorgi è ben salda o scricchiola?

“Qui tutti sono in discussione. Sin da subito ci saranno dei provvedimenti e a fine anno saranno messi tutti in discussione. Sicuramente la prima colpevole di tutta questa situazione è la società che ha permesso troppe cose errate in questo tempo. Il marchio Lube non vuole continuare in questa direzione”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X