App facebook twitter rss

A Palazzo Claudi in mostra
un dinosauro vecchio 75 milioni di anni

SERRAPETRONA - Dopo la ristrutturazione si conferma un centro di cultura e storia
mercoledì 29 agosto 2012 - Ore 17:00 - caricamento letture
Print Friendly

Palazzo Claudi a Serrapetrona è pronto a diventare un grande spazio culturale, uno dei più importanti contenitori di arte e storia del nostro territorio. Merito della Fondazione Claudi, proprietaria dell’immobile, e dell’intesa con il Comune che vi esporrà l’ormai nota Collezione Recchi di cui fa parte, fra l’altro, un esemplare di Prosaurolophus risalente a circa 75 milioni di anni fa. I lavori di ristrutturazione, per circa un milione di euro, sono ormai completati e il palazzo verrà ufficialmente inaugurato il prossimo 22 settembre con una serie di iniziative promosse dalla Fondazione in memoria della pittrice Anna Claudi e del poeta Claudio Claudi. In particolare verrà allestita la mostra “Anna Claudi, favole pittoriche” che, curata da Stefania Severi e allestita da Raimondo Panzarani, proporrà al pubblico un centinaio di opere dell’artista. I dettagli sono stati illustrati in conferenza stampa dal sindaco Adriano Marucci e dal presidente della Fondazione Claudi, professor Massimo Ciambotti. Ma procediamo con ordine.

Il sindaco Adriano Marucci e il presidente della Fondazione Claudi, Massimo Ciambotti

La Fondazione Claudi.  Nasce nel 1999 per volontà di Vittorio, medico romano di chiara fama, deceduto nel 2006 come ultimo discendente della stirpe Claudi. Essa ha lo scopo di onorare in modo degno e duraturo la memoria del poeta Claudio (fratello maggiore di Vittorio) e della pittrice Anna, mamma degli stessi Vittorio e Claudio (e della terza figlia, Dina).

Anna Claudi. Il suo cognome, da nubile, era Pioli. Il fratello Osvaldo era stimato veterinario a San Severino, mentre suo marito – il farmacista Adolfo Claudi – aveva l’omonima farmacia sotto i portici di Piazza del Popolo, sempre a San Severino. Anna morì nel 1976. Appassionata di pittura fin da bambina, ebbe come maestro Mario Adami, romano, amico di Renoir. Negli anni ’50 i suoi dipinti trovarono posto in molte collezioni private: da New York a Parigi, da Roma a Lisbona, da Anversa a Zurigo, fino a Milano. Numerose furono le sue mostre in Italia e nel mondo.

Anna Claudi con Duke Ellington

Claudio Claudi.  Nacque nel 1914 e morì nel 1972. Autore di una gran molte di scritti filosofici, narrativi e poetici, Claudio frequentò assiduamente cultori di poesia come Mario Luzi, Alfonso Gatto e Sergio Baldi. Furono suoi amici pure Dessì e Marletta. All’inaugurazione del palazzo la Fondazione gli renderà omaggio, nel 40° anniversario della scomparsa, con letture di Maurizio Boldrini e con un atteso intervento del poeta-scrittore Davide Rondoni su “La poesia e il tramando culturale”.

Il palazzo. Si trova al centro di Serrapetrona, a poche decine di metri dal Comune. Danneggiato in parte dal sisma, è stato completamente ristrutturato e ampliato con una moderna struttura che abbatte le barriere architettoniche e dà ulteriore respiro al polo museale. Il piano nobile venne affrescato dalla stessa Anna Claudi. Una parte sarà destinata a foresteria; nelle antiche cantine andrà la collezione Recchi, mentre la nuova ala (con una grande vetrata) ospiterà la reception e i servizi del museo. La Fondazione Claudi, una volta terminata la mostra di Anna Claudi, utilizzerà i suoi spazi per un’esposizione permanente di una selezione di opere dell’artista e per l’allestimento di nuove sezioni dedicate agli scritti di Claudio, all’ingegno di Vittorio (che fu anche un grande esperto di radiodiagnostica e di innovative strumentazioni medico-chirurgiche), nonché ai tanti documenti storici che – ancora oggi ben conservati – hanno contraddistinto la vita della famiglia Claudi tra Roma e le Marche.

Palazzo Claudi

La Collezione Recchi. Il Comune ha ereditato i numerosi tesori di archeologia, paleontologia e numismatica che il 68enne geologo Giorgio Recchi, morto improvvisamente nel 2006, fece ritrovare nel suo villino di Serrapetrona. Tra questi lo scheletro ricostruito di un dinosauro di circa 75 milioni di anni fa, lungo 4 metri e alto 2 metri. Si tratta, più precisamente, di un esemplare di Prosaurolophus del Cretaceo superiore del Nord America. Oltre a questo, sarà in mostra a palazzo Claudi una selezione di reperti accumunati dal tema del volo. Titolo dell’esposizione: “La conquista del cielo”. L’inaugurazione è prevista per il prossimo 6 ottobre. Comune e Fondazione Claudi hanno sottoscritto un’apposita convenzione per collaborare nella valorizzazione del polo museale (apertura, utilizzo degli spazi, iniziative congiunte…) cercando innanzi tutto di renderlo fruibile alle scolaresche e attivando sinergie con gli altri enti e istituzioni del territorio.



Torna alla home page

1 commento per “A Palazzo Claudi in mostra
un dinosauro vecchio 75 milioni di anni”

  1. 1
    giorgio rapanelli il 30 agosto 2012 alle 10:06

    Oltre all’unica Vernaccia Nera al mondo, Serrapetrona vanta tasori artistici nelle sue chiese. Con questa iniziativa museale diventa un polo d’attrazione culturali e turistici tra i più prestigiosi della Provincia ed oltre.
    Un riconoscimento all’Amministrazione comunale… degna della sua Cittadinanza, che l’ha eletta.

    Thumb up 11 Thumb down 6 Per votare devi essere autenticato  
[clicca sul nome dell'utente per visualizzare tutti i commenti postati]

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati

Effettua l'accesso




Gli ultimi commenti


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons