Tirocini retribuiti per soggetti fragili
«Usciamo dalla logica dell’assistenzialismo
offrendo un percorso di lavoro»

MACERATA - La vice sindaca Francesca D'Alessandro e il garante dei diritti della persona Giancarlo Giulianelli hanno presentato questa mattina il progetto ad associazioni di categoria, Centro per l’impiego e associazioni del terzo settore. I Tis prevedono un impegno settimanale di 25 ore e un'indennità mensile di 400 euro

- caricamento letture
T.I.S-5-650x488

La vice sindaco Francesca D’Alessandro ha presentato il progetto

L’Assessorato alle Politiche sociali venerdì ha voluto incontrare le associazioni di categoria, il Centro per l’impiego e le associazioni del terzo settore, per presentare le progettualità legate ai Tis, i Tirocini di inclusione sociale, e creare, in questo modo, una rete di supporto e un circuito virtuoso. L’intervento è finanziato per 935.542,62 euro nell’ambito delle risorse messe a disposizione dal Pr Marche Fse+ 2021-2027, Asse Inclusione Sociale. Sono già stati attivati, da dicembre, 27 T.I.S. afferenti al progetto.

T.I.S«Una grandissima opportunità per i soggetti fragili e le loro famiglie nell’ottica di dare una sempre maggiore dignità e prevedere anche un futuro sbocco lavorativo e una possibilità di assunzione – ha commentato la vice sindaco e assessora alle Politiche sociali di Macerata, Comune capofila dell’Ats 15, Francesca D’Alessandro -. Siamo fortemente orientati, come Amministrazione, a uscire da una logica di mero assistenzialismo che non rende la giusta dignità alle persone che, al contrario, vanno supportate attraverso un percorso lavorativo. In particolare, per quanto riguarda la disabilità, è noto come, usciti dal circuito scolastico, tante ragazze e ragazzi siano esclusi da percorsi lavorativi. Con questo incontro abbiamo messo in rete istituzioni, associazioni di categoria e terzo settore per scambiare informazioni ed essere a supporto delle fragilità a 360 gradi; lavorare insieme significa potenziare e amplificare moltissimo le possibilità da dare ai soggetti più fragili perché l’inclusione deve essere un obiettivo concreto. Stiamo portando avanti un lavoro certosino e capillare sul fronte delle politiche attive del lavoro che necessita della collaborazione di tutti i soggetti e di una rete che sia in grado di confrontarsi costantemente. In tal senso il lavoro dell’Amministrazione è costante e anche l’Università di Macerata si è resa disponibile».

L’iniziativa, che prevede un percorso di orientamento, formazione e inserimento/reinserimento lavorativo finalizzato a sostenere l’inclusione sociale, l’autonomia e la riabilitazione delle persone prese in carico dai Servizi Sociali e dai Servizi Sanitari competenti, è destinata ai cittadini residenti o domiciliati nei comuni dell’Ats 15 (Appignano, Corridonia, Macerata, Mogliano, Montecassiano, Petriolo, Pollenza, Treia, Urbisaglia) compresi nella fascia d’età tra i 16 e i 67 anni. I Tis prevedono un impegno settimanale di 25 ore e un’indennità mensile di 400 euro. La proposta di attivazione del Tirocinio di inclusione sociale deve essere formulata dall’assistente sociale previa valutazione della situazione del beneficiario.

T.I.S-4-325x244

L’intervento del garante Giancarlo Giulianelli

Presenti all’incontro, al fine di caldeggiare la loro candidatura come soggetti ospitanti dei destinatari dell’iniziativa, il Centro per l’Impiego di Macerata, Confindustria Macerata, Confartigianato Macerata, Confcommercio Marche Centrali, la Coop. Ci Credo-Anfass I Nuovi Amici, Ircr Macerata, VIC, Coop. Sociale La Meridiana, Fondazione Anfass Macerata Onlus e la Coop. Il faro. Ci sono stati grande apertura e apprezzamento da parte di tutti e molti degli enti e associazioni presenti sono già attivi da tempo con progetti significativi in favore dei più fragili. L’iniziativa prevede l’attivazione del servizio di tutoraggio, gestito dalle assistenti sociali dell’Ambito Territoriale Sociale 15 preposte, utile ad agevolare il percorso di incontro fra le parti.

Durante l’incontro sono stati illustrati gli aspetti tecnici dei Tis mentre l’avvocato Giancarlo Giulianelli, Garante dei diritti della persona della Regione Marche, è intervenuto sottolineando l’importanza della formazione professionale dei soggetti in condizioni di disagio e la completa sinergia tra istituzioni nel proseguire un percorso di rete a supporto di una vita attiva e dell’inclusione. L’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Macerata è a disposizione per informazioni e candidature.

T.I.S.2-650x488



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X