Le nuove frontiere del diabete,
due giorni di convegno a Recanati

SANITA' - Trenta relatori provenienti da diverse regioni italiane discuteranno della patologia analizzando i temi della prevenzione, delle cure e dei costi. Il responsabile scientifico è Gabriele Brandoni
- caricamento letture
gabriele-brandoni

Il dottor Gabriele Brandoni

Un convegno nazionale, quello in programma venerdì e sabato prossimi nell’aula magna del Comune di Recanati, dedicato al diabete. Il filo conduttore dell’evento è «Le nuove frontiere del diabete: L’Infinito oltre la siepe», il responsabile scientifico è Gabriele Brandoni, direttore del servizio di Diabetologia dell’Ospedale di Macerata.

Protagonista dei due giorni di riflessione scientifica è il diabete analizzato partendo dalla prevenzione passando agli aspetti delle cure e dei fondi da destinare a questa malattia che colpisce sempre più italiani. Secondo i dati dell’Istat, aggiornati al 2020, il diabete diagnosticato nel nostro Paese, riguarda 3,5 milioni di persone, divisi in ugual misura tra uomini e donne, con un trend in lieve aumento negli ultimi anni. E ci sarebbero, poi, anche milioni di persone che non sanno di averlo.

«Tra le cause dello sviluppo di questa malattia – osserva il direttore scientifico del convegno recanatese, il dottor Brandoni –  l’invecchiamento della popolazione che si accompagna a stili di vita sempre più sedentari con il conseguente aumento di persone in sovrappeso. Nella due giorni di congresso, si cercherà di fare il punto non solo sulle nuove cure, ma anche sulle valutazioni di ordine economico dei nuovi farmaci, delle nuove tecnologie che possono aiutare nella prevenzione e nella diagnosi: una su tutte la telemedicina già sperimentata nei lunghi mesi del lockdown da Covid che ha permesso di mantenere un dialogo con il proprio medico diabetologo o altri componenti del team di cura. Si guarda già con interesse e fiducia alle app di supporto decisionale per il medico, agli algoritmi di intelligenza artificiale e ai sistemi di integrazione delle informazioni provenienti dai social media.

Ma si parlerà anche di spesa e allocazione di risorse sanitarie. Secondo i dati elaborati da Arno diabete, solo il 9% della spesa riguarda i farmaci antidiabete; il 31% è legato alle terapie per le complicanze e le patologie concomitanti, mentre oltre il 40% è relativo al ricovero ospedaliero. Ma il costo medio per paziente in Italia risulta comunque significativamente più basso rispetto ad esempio a Francia, Gran Bretagna e Germania dove l’assistenza diabetologica è demandata principalmente alla medicina generale a differenza che nel nostro Paese dove è invece presente una rete diffusa di strutture specialistiche». Alle due giornate di congresso parteciperanno 30 relatori, tra medici delle strutture marchigiane, ma anche specialisti provenienti dal Veneto, Umbria, Emilia Romagna, Campania, Abruzzo e Lombardia. Spazio anche ad economisti delle università di Ancona, Pisa, Roma Tor Vergata e Bologna. Porterà il suo contributo ai lavori del congresso l’assessore alla Sanità delle Marche, Filippo Saltamartini. La prolusione, infine, è affidata ad una lettura magistrale della scrittrice Lucia Tancredi ed avrà come tema «La medicina e Leopardi».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X