Il primario Sicolo: «A Camerino
si lavora con gli stessi ritmi
di Macerata e di Civitanova»

PRONTO SOCCORSO - Il medico precisa che lo zero relativo presenze rilevato l'altro giorno è dovuto al fatto che è stato cambiato il sistema informatico e l'app non registra più i dati della struttura ospedaliera della città ducale
- caricamento letture
sicolo-e1590165969278-325x292

Il primario Domenico Sicolo

«E’ ora di finirla con questo retropensiero per cui a Camerino non si lavora. Al Pronto Soccorso di Camerino, come in quello di San Severino, si lavora come nei reparti di Macerata e di Civitanova, con gli stessi ritmi facendo le proporzioni tra medici in organico e utenti». Lo assicura il dottor Domenico Sicolo, primario del Pronto Soccorso dell’ospedale di Camerino che, in relazione all’articolo di ieri legato anche ai dati della app Pronto Soccorso Marche (leggi l’articolo), puntualizza un’altra situazione: «Lo zero che risulta sui malati presenti al Pronto Soccorso di Camerino e di San Severino è legata al fatto che abbiamo cambiato sistema informatico e non è più collegato a quella app. Tra poco si scollegheranno anche gli ospedali di Macerata e di Civitanova». Quali sono i dati delle presenze? «Posso dirle che tra Camerino e San Severino facciamo circa ventimila prestazioni l’anno, diecimila ciascuno».

Pronto soccorso: Macerata e Civitanova full, calma assoluta in altri ospedali Sorpresa al concorso per anestesisti



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X