Li drink de ‘na orda
e atro ve’ pe’ sciuccà l’arsura

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture
mario-monachesi-e1587885168418-325x308

Mario Monachesi

di Mario Monachesi

“Un drinkese (drink) adè ‘na bevanda arcolica fatta co’ poco.
Tra quilli antichi de la tradizió’ marchisciana c’era quillu chjamatu “Lu carzolà”. Vinia ‘gghjà preparatu durante la grande guera da quarghe carzolà’ dentro la vottega pe’ scallà’ li clienti che bboccava quanno facia friddo. Adèra un veru rimediu durante le ‘nguernate jacce (invernate fredde). Vinia preparatu mischjènno lo Caffè Sport Borghetti co’ lo mistrà Varnelli. Du’ terzi de Caffè Sport e un terzu de Mistrà. Vinia veuto (bevuto) liscio.
‘N’antru tostu adè chjamatu “La moretta de Fano” (molto noto nel fanese). Adè un caffè forte. All’iniziu vinia corètto solo co’ lo Rum, più avanti se cuminció’ a mescolacce, oltre a lo Rum, l’anice, lo cognac lo zucchero e ‘na ‘scorza de limó’. Questo caffè è nato per chj java a fadigà’ a lleata de sòle e ci-aia vesognu de ‘na botta de viguria.
Lo mistrà marchisciano, immece, fatto co’ l’anice verde, finocchju servaticu, mele e melaranci, in campagna vinia usatu come ‘mmazzacaffè.
Jènno avanti ce sta pure l’anisetta de la Meletti de Asculi, liquore antichissimu, natu nell’800 (distillazione sette anni con anice e altre spezie ‘romatiche (aromatiche) tipu Pimpinella e Anisum. L’anisetta pò vinì’ gustata anche “on the rocks”, co’ la mosca, cioè tre acini de caffè tostato vuttati dentro lu vicchjrì’.
Non ce scordano de’ la Sambuca, c’era chj dopo lo caffè ne mettia quarghe goccia dentro la tazzina come a resciacqualla.
Tra le bevande ce statia anche quelle fatte apposta pe’ dissetà’ durante lo callo. La principale adèra e adè sempre l’acqua, utele pe’ la vita più de lo magna’.
Li contadì’ che non ci-aia atro, manco lo vi’ bono, facia l’acetello, mischjava in un buttijó’ da du’ litri d’acqua, ‘na piccola parte de acito, un becchjé’. Jo pe’ li campi lo sistemava in un postu friscu. Quanno ci-aia sete lo viìa. Adèra ‘na bevanda povera e semplice. Nell’antica Roma se chjamava “Posca” e adèra preparata co’ acqua, acito, mèle (miele) e atre spezie.
Durante la mititura usava lo brulé, vi’ bojente, zucchero e chjodi de garofinu. Si diceva che dessetava più dell’acqua fresca.
Se usava anche l’acqua, co’ ‘na goccia de anice e lo succo de lu limó’.
Lo sciroppo de Amarena diluito co’ un po’ d’acqua anch’essa dissetava e disseta. Anche lo succo de cerèscia può esse la base de ‘na bevanda dissetante. A fine magnata non mancava mai lo vi’ co’ a bagnu che pezzu de perseca (pesca).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X