La notte de Natà… de un poeta
che mai me lo saria criso

IL NATALE con la poesia scritta da monsignor Tarcisio Carboni proposta da Mario Monachesi
- caricamento letture
tarcisio-carboni

Monsignor Tarcisio Carboni

 

di Mario Monachesi

Eppure è così, all’inizio degli anni ’50 (forse 1954) Il futuro vescovo di Macerata Tarcisio Carboni, nato ad Ortezzano nel 1923, scriveva, nel dialetto fermano-maceratese, la poesia che segue:

LA NOTTE DE NATÀ’ PARLA LE VESTIE
Quanno venne Gesù su questa terra
cascava jò la neve a secchje a secchje,
lo friddo te facia cascà’ le ‘recchje,
ma tutti erano in pace, niscjiù in guerra.
Dentro ‘na grotta nacque un Vambinellu
e no’ nse troava co’: che è un ciucchittu?
Niente per rrescallà’ ‘llu picculittu.
Facia da focu un bue co’ ‘n’asinellu.
“Co’ ‘sse ‘recchjacce fai ‘mpaurì’ lu Fricu,
lèvete d’èsso ‘nnante, somaracciu:
porta via ‘sse ‘recchje, cretinacciu
scji prorbio un gran somaru, car’amicu”.
Movendo ‘lle ‘recchjacce a paraventi,
pe’ potesse scaccià’ li vocentó’
te procurava un’aria ‘llu testó’,
che te facia vallà’ tutti li denti.
“E zittu ‘npó’ – rispose lu somaru –
venni a scallà’ piuttosto il Re dei Re,
su, fatte ‘nnanzi, qui, vicino a me,
che, se io so’ bruttu, tu me po’ sta a paro!”

“Però sta fermu co’ ‘sse longhe ‘recchje,
sennò – dice lu bove – è quante ‘gnènte,
perché Jesù lo callo no’ lo sente,
se tu je fai lu ventu co’ le ‘recchje.
E voglio ‘mpo’ vedé’ se me dai retta!”
‘Ppicciaca ‘na cornata a lu somaru…
ma quillu, allora, pe’ mostrasse paru
jié ‘llenta jió lu ventre ‘na coppietta,
e jié cce fece contà’ più d’una stella.
Ma presto San Giuseppe te li ‘rrecchja
e li fa ccoccolà’ presso la greppia;
l’asinuse fece ‘na ragliatella.
Se sveglia re leone a la ragliata:
s’arriccia li baffi e se lliscia la criniera,
e commanna a la rana trombettiera
de chjamà’ tuttu lu regnu a l’adunata.
Gracchja la rana: “bra-cra-crra-qua-qua”.
Se sveglia ogni animale all’improvviso,
stira le zampe e ppó se sciacqua il viso,
e se raduna presso lu pantà’:
capre, leoni, pecore ed agnelli,
asini, coccodrilli ed elefanti:
insomma gli animali tutti quanti:
pesci, maiali, galli, rane e uccelli.
E son disposti subboto in corteu;
avanti l’animali piu ciuchitti:
api, zanzare, microbi e muschitti,
addietro l’elefante, ‘llu babbeu.
Pare ‘na squadra de sett’otto armate,
fanno la fanteria le capre e i tori,
gli uccelli che ti sembran trimotori,
li pesci li direste corazzate.
Giunta l’armata presso la capanna
trova Gesù bambino appena natu
du’ vestie che lu scalla co’ lu fiatu
e Maria che je canta: “Ninna Nanna”.
“Chj sarria mamma, quillu che sta male?
Ddomanna ‘ncuriusitu un agnillittu,
che va zompènne e non se pò’ sta fittu.
“Oh! Va che vedo: ‘n’angelu co’ l’ale!?!”.
“Zittu, mucciusu, ch’ecco non se parla,
e che te vai zompènne comme un grillu”,
aggiunse minacciusu lu cunillu
e conferma col capo ‘na farfalla.
Ecco, ‘na vacca che vò’ fa’ ‘n discursu:
“L’omu de frustate me scupizza
a me la paglia e lu’ magna la pizza,
beve lo vi’ e a me manco un sursu!”
Salisce su ‘na seja un somarellu,
maestru straurdinariu de la scola
e la gajina ‘ccorda la mandola
e lu piccione sòna un pifferellu.
Fa da sopranu un gallu e du’ o tre passiri,
fa da contralti la gajina e l’oca,
de tenore ce fa l’orsu e ‘na foca,
‘n’elefante e un porcu fan da vassi.
A du’ cori se canta ‘llu pizzittu;
tutti sta ‘ttenti a pijà’ lu tonu,
lu zocculu rimbomba comme un tronu:
è la nota d’avvio: senti che effettu!
Lu primu coru co’ la destra ‘recchja,
e l’atru co’ la sinistra l’incoraggia,
e fa sta zitta subboto ‘na gaggia,
ch’era stonata pegghjo d’una secchja!
Mastru somaru fa bbella figura!
Move quelle du’ ‘recchje tanto velle
e quanno no’ je vasta manco quelle,
arza la coda e ppo’ la rebbutura.
Ed era cuscì buffo lli a vedellu
dirige quella turba de cantanti
che, prorbio lo dice tutti quanti:
se mise a ride pure lu vambinellu.
E mentre se ne andava lu serpente
insieme a l’atre vestie tutte quante,
un poce sarda in groppa all’elefante:
“Ah! Non cumincimo co’ le spente”.
(T. C.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Come butta?
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X