Via libera ai consigli di quartiere,
12 nominati dalla politica
e tre estratti a sorte

MACERATA - Passa con il voto compatto della maggioranza e dei 5stelle la proposta di Andrea Blarasin. L'opposizione si astiene e critica il mancato coinvolgimento dei residenti. Il dibattito sul centro commerciale slitta a domani. Diretta streaming in tilt, seduta solo per gli addetti ai lavori
- caricamento letture

Parcaroli_ConsiglioComunale_FF-6-650x434

 

di Luca Patrassi (foto di Fabio Falcioni)

I topi mandano in tilt la fibra ottica, i gatti imperversano al cimitero e non si sa bene quale altro animale possa aver impedito oggi la diretta streaming della seduta del Consiglio comunale. La rete internet comunale non ha dato segni di vita per tutto il pomeriggio per motivi che non sono stati illustrati e visto che il tutto ha un costo, anche il disservizio, sarà il caso che il Comune spieghi l’accaduto. Peraltro si fa presto a parlare di banda larga, di comunicazione e di rete globale se non si riesce nemmeno a trasmettere in streaming una seduta di Consiglio comunale. Un problema non di un minuto, un blocco che si è protratto per tutta la serata senza dare comunicazione alcuna dei motivi.

ConsiglioComunale_FF-24-325x217Quanto alla seduta di Consiglio comunale di pubblico c’è rimasto ben poco. Tolta di mezzo la possibilità di assistere in diretta, l’unica soluzione è farlo in presenza. Ma anche in questo caso le cose non è che vadano molto meglio: la sala del Consiglio comunale è inaccessibile al pubblico, il protocollo antiCovid ha fatto sì che i banchi, distanziati, arrivino fino al muro: chi vuole assistere può farlo nei corridoi o nelle sale attigue, magari sentendo più voci fuoricampo (chi passa e chiacchiera) che quelle che si vorrebbe ascoltare. Dunque un Consiglio comunale, quello andato in scena stasera, che di pubblico ha avuto ben poco. Gli unici che hanno forse sentito tutta la seduta da vicino sono stati l’operatore tv che ha ripreso una seduta non andata in onda e l’agente di polizia municipale.

 

 

ConsiglioComunale_FF-13-650x434

 

Altra cosa sicura: il pomeriggio è trascorso intero con la discussione sulla delibera presentata dal consigliere leghista Andrea Blarasin per l’istituzione dei consiglio di quartiere. Una delibera, tredici emendamenti, c’è chi ne ha presentati cinque, un altro sei, solo i Cinque Stelle ne hanno presentato uno ed è stato approvato. La maggioranza propone il ritorno ai consigli di quartiere, abbandonati decenni fa per morte naturale, in pochi andavano a votare e quasi nessuno era disponibile a mettersi in lista per affrontare questioni con poche possibilità di essere prese in considerazione.

Blarasin_ConsiglioComunale_FF-18-325x217

Andrea Blarasin, consigliere della Lega

Blarasin ha presentato una proposta per tornare a fare politica nei quartieri, ma senza ricorrere alla elezione diretta: 15 consiglieri, 8 di nomina della maggioranza, 4 della minoranza e tre estratti a sorte. C’è chi ha ironizzato un pochino sull’estrazione a sorte e chi ha rilevato il grave vulnus alla democrazia per il mancato coinvolgimento dei residenti del quartiere per il tramite delle elezioni. Blarasin ha spiegato che quella presentata era l’unica proposta per arrivare subito all’istituzione dei consigli di quartieri e che in futuro, soldi permettendo, si potrà ricorrere all’elezione diretta. Dall’opposizione forti critiche per il fatto appunto che non siano coinvolti i residenti e che si calino dall’alto i i rappresentanti dei rioni. Però nessuno si è detto contrario al ritorno dei consigli di quartiere, la maggioranza ha votato compatta, favorevoli anche i 5Stelle, il resto dell’opposizione ha fatto ricorso al voto di astensione.

Parcaroli_5Stelle_ConsiglioComunale_FF-2-325x217

I consiglieri dei 5 Stelle consegnano la raccolta firme contro il centro commerciale al sindaco Parcaroli

Al dibattito avevano partecipato tra gli altri per l’opposizione i dem Ricotta, Del Gobbo, Marcolini e Perticarari, Monteverde per Sinistra bene Comune, Garbati per Macerata Rinnova, Miliozzi per Macerata Insieme e Cherubini per i 5 Stelle, per la maggioranza Castiglioni, Carbonari e Bravi. Alla fine 22 favorevoli e 10 astenuti.

In apertura di seduta i consiglieri comunali pentastellati Roberto Cherubini e Roberto Spedaletti avevano consegnato al sindaco le 2500 firme contro la realizzazione del centro commerciale Simonetti a Piediripa. Domani il Consiglio comunale prosegue, in discussione – tra gli altri punti – lo Sferisterio e il centro commerciale.

La proposta di Blarasin: «Reintrodurre i consigli di quartiere»

ConsiglioComunale_FF-24-650x434

 

ConsiglioComunale_FF-12-650x434

 

 

Cherubini_Orazi_ConsiglioComunale_FF-4-650x434Carbonari_ConsiglioComunale_FF-15-650x434

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =