Ancora senza vaccino,
sospesi due medici e un infermiere

COVID - Provvedimento della direttrice dell'Av3, sarà valido fino a fine anno. Ora scatterà anche la segnalazione all'Albo di riferimento e la sospensione anche da quello
- caricamento letture

WhatsApp-Image-2019-04-24-at-11.12.55-1-325x204

 

di Luca Patrassi

Green pass e vaccinazioni anti Covid: prosegue l’azione di organizzazione del lavoro e di controllo del rispetto delle varie procedure messe in atto da tempo dalla direzione dell’Area Vasta 3 dell’Asur. Fioccano le determine della dirigente dell’Av3 Daniela Corsi sui vari fronti di azione. Ieri è scattata la sospensione dal servizio per altri tre dipendenti dell’Area Vasta 3, si tratta di due medici e di un infermiere che non hanno adempiuto all’obbligo vaccinale. Sospeso il medico no vax segnalato dall’Area Vasta 2 all’Ordine provinciale dei medici di Macerata. Scatterà poi la segnalazione agli Ordine professionali di riferimento per la sospensione anche dall’albo professionale. La sospensione è fino al termine dell’anno in corso, fino cioè alla data di scadenza dello stato di emergenza, a meno che l’interessato non decida di regolarizzare la propria posizione e di vaccinarsi: contro l’atto di sospensione è sempre percorribile la strada del ricorso al tribunale amministrativo regionale delle Marche. Quanto all’Ordine dei l medici, una volta ricevuta la segnalazione, l’unica possibilità che ha è quella di sospendere l’iscritto, non sono previste interlocuzioni di alcun tipo. Da mesi peraltro il presidente dell’Ordine maceratese Romano Mari ribadisce che «la vaccinazione non è un fatto individuale ma etico e di responsabilità collettiva. I medici debbono essere vaccinati. Oggi bisogna sapere che per esercitare la professione medica si devono avere questi requisiti: laurea, abilitazione, iscrizione e vaccinazione». Sul fronte dell’obbligo del green pass nei luoghi di lavoro, sempre la dirigente dell’Av3 Daniela Corsi ha fissato con un atto le procedure di controllo che saranno messe in atto (quelle indicate dalla legge) e la squadra operativa: esattamente cento dipendenti. Nella determina c’è scritto che l’atto è, come si suol dire, a costo zero per l’Ente, nel senso che non ne presenta di aggiuntivi rispetto al normale costo del lavoro, ma pure si tratta di energie umane e professionali sottratte al lavoro normale nei reparti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X