In arrivo le risorse del Cis Sisma
«Molti progetti validi non finanziati,
servono per il rilancio»

CONFARTIGIANATO - Il segretario generale Menichelli chiede un impegno ulteriore: «Sono molte le comunità che devono essere aiutate a ripartire e molte le programmazioni sviluppate che meritano di essere realizzate»
- caricamento letture

Menichelli-Roma-8-novembre-2017-325x217

Giorgio Menichelli

 

Sono 49 i progetti e 160 i milioni destinati alle quattro regioni dell’area del cratere finanziati dal Cis Sisma per turismo, cultura, riqualificazione urbana ed ecosostenibilità. È stato infatti sottoscritto ufficialmente il Contratto Istituzionale di Sviluppo riservato ai territori colpiti dallo sciame sismico del 2016-2017 che erogherà alla nostra regione ben 100 milioni di euro a sostegno di importanti progettualità di sviluppo e rilancio del territorio presentate da vari enti pubblici.
«Una distribuzione  – commenta Confartigianato Imprese Macerata – che vede la maggior parte dei fondi destinati alle Marche (appunto 100 milioni sui 160 totali), a dimostrazione del fatto che purtroppo la nostra regione è stata tra le più colpite. Lo sciame sismico, infatti, nel territorio marchigiano ha interessato il 56% degli 80mila immobili lesionati (16% in Abruzzo, 15% in Umbria e 13% nel Lazio), coinvolgendo 348.473 abitanti (pari al 22,6% della regione) e 10.519 imprese artigiane (25,9% Manifatturiero, 36,9% Costruzioni, 11,8% Servizi alle imprese, 24, 1 Servizi alle persone, 0,8% Agricoltura, 0,4% altro) per un totale di 27.717 addetti».

«L’arrivo di questi fondi è sicuramente un’ottima notizia – ha commentato il segretario generale Giorgio Menichelli – perché finalmente le aree dell’entroterra potranno contare, a stretto giro, su importanti fondi per mettere in essere una concreta e reale ripartenza. È però fondamentale che questi progetti vengano tempestivamente e celermente messi in opera in modo da essere volano per il rilancio di tutto il sistema economico e produttivo locale. Siamo un po’ dispiaciuti per gli altrettanti progetti che avevano una loro validità e che, ad oggi, non rientrano tra quelli finanziabili. Sono molte le comunità che devono essere aiutate a ripartire e molte le programmazioni sviluppate che meritano di essere realizzate. Auspichiamo quindi che possano essere trovati altri fondi da destinare a questo scopo e che vadano anche a completare le risorse parziali finora arrivate ai richiedenti. Pensiamo ad esempio alla portata prevista dalla scheda A del Fondo Complementare al PNRR Sisma che nello specifico prevede proprio un cospicuo stanziamento di circa un miliardo di euro per interventi di rigenerazione delle aree del cratere e che quindi potrebbe ampiamente soddisfare le aspettative di tutti i soggetti coinvolti».

Questi i progetti della nostra Regione selezionati

tabella1-498x650 tabella2-e1631792579943

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X