La consulta degli studenti
appoggia la didattica a distanza:
«Scelta lungimirante della Regione»

L'INTERVENTO di Leonardo Simoncini, rappresentante della provincia di Macerata: «I giovani hanno paura di essere causa di contagio e non vogliono rientrare prima che la situazione si sistemi»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
leonardo-simoncini

Leonardo Simoncini

 

«Mi sento in dovere di difendere la scelta lungimirante della Regione e di affiancare la mia generazione, oggetto di sconsiderate critiche dopo lo svago estivo, che sta dando un’ulteriore dimostrazione di maturità, rinunciando alla fondamentale socialità scolastica per il bene della comunità, con la speranza che si possa tornare quanto prima alla normalità». A dirlo Leonardo Simoncini, presidente della Consulta provinciale degli studenti di Macerata e vicepresidente del coordinamento regionale. Simoncini interviene insieme al presidente del coordinamento Andrea Sebastianelli per difendere dalle critiche la Giunta Acquaroli che ha indicato la Dad al 100% per le scuole superiori almeno fino al 31 gennaio.

«Indubbiamente è da considerare che l’aula scolastica rappresenta, di per sé, un luogo di assembramento – dice Simoncini -, al di là del quantitativo di persone che ospita, senza contare che un buon numero di studenti usufruisce dei mezzi di trasporto per raggiungere la propria scuola. Confrontandomi coi miei coetanei, ho constatato quale sia il reale pensiero degli studenti, che differisce di gran lunga dalle critiche sollevate alla Regione dopo il comunicato del prosieguo della didattica a distanza. Oltre alla preoccupazione dei dirigenti nella gestione di una massa così ingente di studenti a seguito di richieste come quella del doppio turno con tempistiche e modalità discutibili, ho notato quanto i giovani, temendo di essere oggetto e causa di contagio, non vogliano rientrare a scuola prima che la situazione si sistemi».

sebastianelli

Andrea Sebastianelli

Sebastianelli aggiunge: «La modifica degli indici Rt e il conseguente cambiamento dei parametri per far slittare la regione in zona arancione o rossa ha messo in crisi tutto il lavoro svolto settimana per settimana per programmare il ritorno in classe in sicurezza. Il lavoro svolto è stato senz’altro ingente ma purtroppo il virus si è rivelato un problema ancora più grande dei nostri sforzi. Tutti stanno facendo sacrifici ed è giusto che li faccia anche la comunità studentesca, a patto però che si torni a discutere della scuola come organo fondamentale della nostra Repubblica, quando ci sarà la possibilità. Infatti il sistema scolastico in questa emergenza è stato tirato in causa solo per polemiche e dibattiti politici dopo anni in cui è stata lasciata in disparte», conclude Sebastianelli.

 

«Scuole chiuse? Pensateci bene E non piangete quando noi giovani andremo a vivere all’estero»

Slitta il rientro in aula per le superiori «Scuole chiuse per tutto gennaio» In arrivo l’ordinanza di Acquaroli



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X