«Non chiamateci negazionisti»
In piazza il “Presidio della Libertà”

MACERATA - Una trentina i partecipanti in piazza Mazzini, tra i quali anche l'ex candidata governatrice Alessandra Contigiani. La portavoce Beatrice Marinelli: «Durante il lockdown siamo stati bloccati dentro casa, vedendo vilipesi i nostri valori costituzionali»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-13-650x434

il Presidio della Libertà in piazza Mazzini

 

di Giulia Mencarelli (foto di Fabio Falcioni)

«Fascio-negazionisti, no mask, ci hanno descritti in ogni modo. Non siamo nulla di tutto questo ma cittadini liberi». Inizia così, in una poco affollata piazza Mazzini, la manifestazione del comitato di Marcia della Liberazione. La loro portavoce, Beatrice Marinelli (presente anche alla manifestazione dei commercianti di Civitanova del 27 ottobre), intona la sua indignazione popolare contro i Dpcm del 18 e 25 ottobre, per cui oggi in varie piazze d’Italia si sono tenuti i cosiddetti Presidi della Libertà. Un grido ad alta voce quello dei circa trenta partecipanti a Macerata contro quel governo che «con le veline» così definisce i dpcm, «meri atti amministrativi senza forza di legge», hanno aggravato secondo i manifestanti la crisi sociale.

MarciaDellaLiberazione_BeatriceMarinelli_FF-14-325x217

Beatrice Marinelli

«Lockdown: bloccati dentro casa, vedendo vilipesi i nostri valori costituzionali – ha affermato Marinelli -. Siamo stati accanto ai dipendenti della ristorazione e non solo. A quelle famiglie che vivendo di fatturato giornaliero ad oggi si ritrovano sul lastrico». La portavoce evoca un’emergenza passeggera che non può durare da dieci mesi. Periodo in cui, secondo lei, si poteva fare molto altro. Prosegue lamentando la mancata e diretta elezione dei parlamentari: «Il popolo italiano non può eleggere il Presidente del Consiglio perché la questione è prettamente finanziaria ed economica. Ed è proprio lì che vogliono intervenire: colpire i piccoli imprenditori».

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-15-325x217

Domenico Bevilacqua

Un invito a supportare nuovi attivisti arriva da un altro esponente, Domenico Bevilacqua, attraverso la raccolta firme. Ad oggi sono oltre 600 le firme raccolte in autotutela. Lo stesso Bevilacqua sostiene che «la mascherina è un trattamento sanitario illegale. Combatteremo affinché in Italia ritorni quello Stato di diritto che ora sembra scomparso». Altra voce del coro quella di Alessandra Contigiani, che ha corso anche da candidata governatrice quest’anno con il Fronte Sovranista Italiano: «Sono una partita Iva e questa è la prima volta che mi trovo a non pagare le tasse, perché lo Stato mi costringe a chiudere per oltre 5 mesi». Richiama, ad esempio, il ristoratore di Pesaro che si è protratto oltre l’orario consentito: «Non facciamoci zittire – dice Contigiani -, dai 600 euro tanto promessi». Presente alla manifestazione anche la consigliera provinciale uscente Deborah Pantana.

MarciaDellaLiberazione_FF-16-650x434

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-12-650x434

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-11-650x434

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-10-650x434

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-9-650x434

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-8-650x434

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-7-650x434

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-6-650x434

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-5-650x434

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-4-650x434

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-3-650x434

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-2-650x434

MarciaDellaLiberazione_PiazzaMazzini_FF-1-650x434



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X