Mappe mentali: cosa sono,
come farle e quali strumenti utilizzare

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Le mappe mentali, definite anche mind maps, sono uno strumento per elaborare graficamente il proprio pensiero. L’ideazione delle mappe mentali risale agli anni ’60, avvenuta per mano di Tony Buzan, cognitivista inglese. Il mindmapping consiste dunque in una tecnica che consente di stimolare le proprie capacità mentali mettendole a frutto, quindi di ottimizzare le risorse del cervello, sia del singolo individuo che di un gruppo.
Ovviamente in origine queste rappresentazioni venivano disegnate a mano, ma come in ogni settore anche in quello delle mind maps la tecnologia ha lasciato il segno. Con questi presupposti, vediamo insieme cosa sono, come crearle, e quali strumenti utilizzare.

Mappe mentali: cosa sono?

Come anticipato, le mappe mentali sono uno strumento particolarmente valido per rappresentare a livello grafico il nostro pensiero, in grado di stimolare efficacemente memoria e apprendimento. Volendo semplificare il concetto potremmo dire che le mind maps consentono alla mente di assimilare concetti molto complessi utilizzando però un modo decisamente creativo e personalizzato.

Le mappe mentali sono caratterizzate da alcuni elementi comuni, come parole chiave, immagini, colori, rami curvi, e collegamenti. Rispetto ad altre tecniche più tradizionali per prendere nota dei propri pensieri, le mappe mentali permettono alle due parti del cervello di lavorare in maniera simbiotica: quella sinistra (analitica) insieme a quella destra (artistica). Le mappe mentali trovano applicazione in differenti ambiti.

mappe_artificiali

Possono essere utilizzate ad esempio per approcciarsi più efficacemente allo studio, ma anche in ambito aziendale. In particolar modo, è in quest’ultimo che si rivelano davvero utili, perché consentono ai team di lavoro di individuare nuove idee, ma anche di trovare soluzioni a problemi di natura complessa. In alcuni casi le mind maps vengono utilizzate persino da coloro che devono sostenere dei discorsi in pubblico.

Mind Maps e tecnologia: il connubio perfetto

Abbiamo detto che in origine le mappe mentali venivano disegnate a mano, ma che la tecnologia ha lasciato il segno anche in questo campo. Questo significa che sono nati molti software per crearle, più o meno completi. Un programma per creare mappe mentali che si contraddistingue particolarmente sotto questo punto di vista è Mind Master. Parliamo di un’applicazione totalmente gratuita, ma non per questo meno efficace di altre.

Mind Master è uno strumento per disegnare mappe mentali che fa della versatilità uno dei suoi cavalli di battaglia, grazie alla compatibilità con qualsiasi sistema operativo per computer (Windows, Mac OS, e Linux), ma anche per il mobile (Android e iOS), e persino come applicazione web da browser. Questa particolare caratteristica si rivela molto utile in un contesto professionale, dove c’è l’esigenza di poter condividere un progetto tra più membri di un team che utilizzano terminali differenti.

mappe_artificiali_2

Come creare una mappa mentale con Mind Master

Abbiamo detto che Mind Master è uno strumento per creare rappresentazioni grafiche di mappe mentali che brilla per versatilità e completezza. Anche sotto il profilo della semplicità d’utilizzo si rivela però efficace. Il primo passo da muovere, dopo aver provveduto al download e all’installazione della versione corretta per il proprio sistema operativo, è quello di scegliere tra una delle 12 strutture differenti di mappe mentali.

Tra quelle possibili, oltre alle tradizionali troviamo anche diagrammi ad albero, mappe a settori, circolari, radiali, ed altre ancora. In secondo luogo si dovrà procedere selezionando il tema. Anche in questo caso la scelta è decisamente nutrita: 33 possibilità predefinite, dove non sarà difficile trovare la migliore per il proprio progetto. A questo punto sarà possibile aggiungere una delle 700 clipart incluse nel software.

mappe_artificiali3

Grazie a Mind Master sarà possibile personalizzare ogni singolo aspetto della propria mappa mentale, dal colore di sfondo, alle linee di connessione. Le caselle destinate agli argomenti potranno infine assumere forme differenti a seconda delle esigenze del progetto: ovali, esagonali, a stella, romboidali, e tante altre ancora.

(Articolo promoredazionale)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X