Discarica abusiva sul Monte Gemmo,
tubi e canne fumarie
abbandonati fra i boschi

ESANATOGLIA - Il sindaco Bartocci lancia anche un appello per trovare i responsabili: «Il solito esempio di stupida inciviltà, chiunque abbia visto qualcosa contatti il Comune o i carabinieri»
- caricamento letture

 

discarica-esanatoglia-1-650x472

I rifiuti abbandonati

 

Discarica abusiva con materiali edili abbandonati tra la vegetazione dei boschi, a Monte Gemmo, nel territorio comunale di Esanatoglia. Tubazioni e canne fumarie sono state abbandonate da ignoti in località Le Trocche, in una zona impervia che si raggiunge solo percorrendo sentieri sterrati. A segnalare la situazione al sindaco Luigi Nazzareno Bartocci è stato il gruppo comunale di Protezione civile del paese. Il primo cittadino ha sporto denuncia alla locale stazione dei carabinieri.

discarica-esanatoglia-2-325x271 Potrebbero essere rifiuti in eternit, in tal caso dovranno essere smaltiti con procedura speciale. Spiega Bartocci, che lancia anche un appello a chi ha visto qualcosa, per aiutare a trovare i responsabili: «Su segnalazione della Protezione Civile comunale registriamo il solito esempio di stupida inciviltà. Il luogo è in località monte Gemmo vicino Le Trocche. Primo è vietato oltre che irrispettoso di tutti noi lasciare rifiuti nei boschi, secondo se trattasi di eternit è anche pericoloso, terzo è da enormi idioti rischiare di farsi male lungo stretti sentieri quando sono a disposizione depositi e luoghi pubblici gratuiti e controllati. I carabinieri faranno i dovuti controlli del caso ma è anche responsabilità civica di tutti noi. Chiedo quindi a chiunque abbia notato movimenti di mezzi, con sopra tubi e canne fumarie in zona strada Palazzo o strada provinciale per Fiuminata, di segnalare al Comune di Esanatoglia o ai carabinieri. Confido nella vostra collaborazione sperando di individuare i responsabili».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X