«Ztl aperta? Non ce l’hanno comunicato
Saperlo sarebbe stato importante»

MACERATA - Paolo Perini, titolare di Hab, risponde al Comune: «Dicono è sospesa dal 14 marzo, peccato non ci sia stato dato avviso. Tante le vessazioni che hanno pesato sulla mia attività e su quelle di altri»
- caricamento letture

 

paolo-perini-1-e1587207105729-650x620

Paolo Perini

 

«Ztl aperta per i commercianti che consegnano a domicilio? Comunicazione mai arrivata». Paolo Perini, titolare di Hab, replica al Comune che ieri gli aveva risposto, dopo una sua precedente lettera aperta inviata al sindaco per chiedere che i commercianti che fanno attività di consegna a domicilio venissero esentati dal pagare la Ztl, che è già dal 14 marzo che non si paga. Perini è contento che gli sia stata data risposta «molto gradita» dice, però «Mi sono chiesto in quali meandri dell’universo conosciuto questa comunicazione fosse arrivata». Perini si è informato con il suo commercialista è andato a controllare la mail e la Pec «ma non ne ho trovato la minima traccia. Ufficialmente dunque sapevo di non poter entrare se non pagando il dazio (3 euro). Penso che anche altre attività si trovino nella mia stessa condizione, cioè quella di non aver potuto neanche riflettere se poter operare o meno, poichè facendosi due conti in tasca non sarebbe a priori convenuto. Perché non abbiamo ricevuto una comunicazione ufficiale? Una dimenticanza? Mi chiedo a chi torna bene dare spazio sul sito dell’amministrazione alle “attività resilienti” che operano, se non al Comune stesso? Non è la pubblicità che ci manca: ne siamo capaci visto che lavoriamo anche di quella. Perché chiederci di essere visibili col nostro operato e la nostra attività commerciale soltanto ora, se il permesso di entrare nella Ztl senza pagare i 3 euro era attivo dal 14 marzo?». Poi si rivolge al sindaco, alla giunta e in generale ai politici maceratesi: «il vostro ruolo è quello di amministrare una città e tutelarne i cittadini, il ruolo per cui siete stati scelti non è quello di decidere arbitrariamente cosa fare e cosa non fare, perché al di là dei proclami di programma pre-elettorale che avete portato a termine, non avete considerato i cambiamenti: in 5 anni le persone vivono e muoiono. La Ztl è stata la mannaia finale dopo il terremoto, per il centro storico, il Covid-19 sarà la corona sulla bara se non ci si rende conto di quale è realmente lo stato delle cose. Mi sembra che la logica e la concretezza non abbiamo più spazio neanche in una città come la nostra, che non è certo di milioni di anime… e voi state ancora dibattendo se aprire o meno la Ztl e saltano le sedute in consiglio perché manca il numero legale? Da cittadino che produce nella e per la sua città, che paga le tasse, crea aggregazione e mantiene la sicurezza, che crea cultura e crea lavoro perché paga i suoi dipendenti, che fa impresa, mi lamento di tutte le vessazioni che hanno pesato di sicuro sulla mia attività e credo anche su quella degli altri. Sapere o non sapere – ormai da più di un mese – che la Ztl fosse sospesa almeno per i commercianti avrebbe potuto pesare e non poco sul mio operato».

 

Macerata, la Ztl torna a pieno regime

Ztl, Marco Menchi attacca: «La votazione è saltata perchè i consiglieri del Pd erano assenti»

Ztl, strigliata del Pd al sindaco: «Basta giochini, è tempo di riaprirla per dare un senso alla fase 2»

 

Barista del centro scrive a Carancini: «Esentateci da Ztl e parcheggi»

Ztl aperta per le consegne Riparte la sanificazione di strade e cassonetti



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X