Hashish pronto da spacciare:
arrestato insospettabile 35enne

CIVITANOVA - Blitz della finanza nella casa-laboratorio dell'uomo, tecnico informatico: sequestrati oltre un etto di droga e 1.130 euro in contanti. All'Hotel House in manette un pakistano trovato con 4 grammi di eroina. Per entrambi oggi si è svolta la convalida: obbligo di firma per tutti e due
- caricamento letture
foto

La droga e i contanti sequestrati al 35enne

 

Oltre un etto di hashish in casa, arrestato per spaccio un tecnico informatico, M. B., 35enne. L’operazione è stata messa a segno dalla Guardia di finanza a Civitanova. Grazie a un’attenta attività di indagine, infatti, i militari hanno individuato un appartamento in città, abitazione e laboratorio dell’uomo, titolare di un’impresa, ritenuto una base di stoccaggio per la droga. Prosegue incessante l’attività della Guardia di finanza finalizzata alla prevenzione e repressione del traffico e spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope, attraverso il quotidiano controllo del territorio. Così è scattato il blitz. I finanzieri, con l’aiuto dell’unità cinofila, hanno trovato e sequestrato 124 grammi di hashish, un bilancino di precisione e 1.130 euro in contanti, in banconote di tagli diversi, ritenuti provento dell’attività di spaccio, nonché 16 involucri di cellophane riportanti loghi e nomi riferibili a diverse varietà di hashish.  Il 35enne è stato quindi arrestato per detenzione di sostanza stupefacente per fini di spaccio e, su disposizione del pm di turno, sottoposto agli arresti domiciliari. Questa mattina si è svolta l’udienza di convalida dell’arresto davanti al gip Enrico Pannaggi del tribunale di Macerata. Il 35enne, assistito dall’avvocato Andrea Offidani (oggi sostituito dal legale Sandro Pugliese) ha negato di essere uno spacciatore sostenendo invece che la droga trovata era per uso personale. Il pm Francesca D’Arienzo ha chiesto gli arresti domiciliari per il 35enne, il giudice ha deciso di applicare l’obbligo di firma.

Sempre la Guardia di finanza, inoltre, ha arrestato un pakistano, Z. J., 32, all’Hotel House di Porto Recanati. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, alla vista delle divise ha cercato di nascondersi all’interno del palazzone. E’ stato comunque fermato: addosso aveva nove dosi di eroina per un totale di circa quattro grammi. L’uomo, gravato dalla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, è stato quindi arrestato. Anche per lui questa mattina si è svolta l’udienza di convalida. Ha negato di essere uno spacciatore e ha detto di svolgere attività di volantinaggio. Il pm Francesca D’Arienzo al termine dell’udienza ha chiesto la custodia cautelare in carcere, il giudice Enrico Pannaggi ha invece deciso anche per il 32enne di disporre l’obbligo di firma.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X