Ztl a fasce orarie, commercianti spiazzati:
«Non se ne capisce il senso
Al centro serve altro»

MACERATA - Le voci di alcuni titolari di attività rispetto al provvedimento bis dell'amministrazione che parte dal 4 novembre: «C'è molta confusione e i clienti hanno paura di prendere multe»
- caricamento letture

ZTL_CentroStorico_FF-7-650x433

 

di Federica Nardi (foto di Fabio Falcioni)

«Non se ne capisce il senso». Questa in sintesi l’opinione che serpeggia tra alcuni commercianti del centro storico di Macerata alla vigilia della riapertura della Ztl di piazza della Libertà a fasce orarie. La riapertura a fasce, già sperimentata l’anno scorso, ricomincia dal 4 al 29 novembre e poi dal 7 gennaio al 20 marzo del 2020, dal lunedì al venerdì nelle fasce orarie ( 12-15 e 18-20). Una sorta di passo indietro rispetto alla pedonalizzazione, che l’amministrazione ha detto di aver fatto per accogliere le richieste proprio delle attività della zona. Ma, a sentire loro, l’operazione non è molto apprezzata.

ZTL_CentroStorico_FF-1-325x216«Queste riaperture a fasce orarie e solo per alcuni periodi mettono in difficoltà le persone e non si capisce nemmeno il senso di quegli orari. Tra l’altro se non esci in tempo sei immediatamente multato dalle telecamere – sostiene Giuseppe Romano, che ha la camiceria – La riapertura non cambia niente, per nessuno. Perché quando di crea confusione non si cambia niente. O si dà una garanzia ai cittadini o aspettiamo che ne se va questa amministrazione, con la speranza che finisca questo martirio. Serve un’organizzazione unica per tutto l’anno».

Meletani_FF

Stefania Meletani

Di confusione parla anche Stefania Meletani: «C’è stata così tanta confusione in questi anni sulla Ztl che anche chi all’inizio pensava che le macchine in centro potevano servire per rianimarlo ormai non lo pensa più. Non è stata mai presa una decisione univoca. Anche con la riapertura rientrano le macchine ma in realtà non c’è posto per parcheggiare e i clienti temono di prendere la multa. Al massimo noi siamo contenti perché passando guardano le vetrine, ma per il resto non vedo vantaggi. Penso che per il centro vada fatto altro, offrendo qualcosa di nuovo». Sandra di Talmone, dove l’area resta comunque pedonale, spiega che per lei «è meglio che la Ztl rimanga chiusa perché – aggiunge – riaprirla per venti giorni non dice niente. Le persone non ci capiscono più niente, se l’avessero aperta tutto dicembre sarebbe stato meglio».

tommaso-buccioniTra le voci del commercio anche quella di Tommaso Buccioni della Porchetteria: «Secondo me un po’ di apertura deve esserci in centro, altrimenti poi tutti dicono che a Macerata non si passa. Io tuttavia lavorando principalmente con gli studenti non penso avrò un grande cambiamento dalla riapertura».

Ztl in centro storico, apertura a fasce orarie



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X