facebook twitter rss

Mattarella e Conte a Fabriano:
città blindata, il programma

IL PRESIDENTE della Repubblica e il premier all'inaugurazione del forum dei sindaci nell'ambito della 13esima conferenza delle città creative dell'Unesco
martedì 11 Giugno 2019 - Ore 17:39 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
23 Condivisioni

Il palco montato nella piazza centrale di Fabriano

 

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il premier Giuseppe Conte, accompagnati dal ministro Bonisoli, domani mattina saranno in visita a Fabriano per inaugurare  al teatro Gentile il Forum dei sindaci nell’ambito del XIII Unesco creative cities network annual conference.

Il presidente Sergio Mattarella

Ad accoglierli tra le 10 e le 10,30, tra gli altri, ci saranno il prefetto di Ancona Antonio D’Acunto, il governatore delle Marche Luca Ceriscioli e il sindaco di Fabriano,Gabriele Santarelli oltre alla promotrice dell’evento, Francesca Merloni, Unesco goodwill ambassador. Il meeting internazionale è partito ieri e si articolerà con grandi eventi fino al 15 giugno. Nel corso della loro permanenza a Fabriano, che durerà un paio di ore, il capo dello Stato e il primo ministro ammireranno, in tempi differenti e separatamente anche il capolavoro di Leonardo ‘La Madonna Benois’ in esposizione alla pinacoteca Molajoli fino al 30 giugno. L’opera proviene dall’Ermitage di San Pietroburgo, ed è tornata eccezionalmente in Italia dopo 35 anni.

Il premier Conte con il sindaco Gabriele Santarelli durante la visita ai cantieri Quadrilatero

«La visita del presidente e del premier è un segnale che da spessore al meeting, se qualcuno non avesse ancora percepito l’importanza di questa manifestazione di respiro internazionale – commenta il sindaco Gabriele Santarelli – Ci sarà anche il ministro della cultura Bonisoli. Sarà una concomitanza che difficilmente si verifica e che ci rende particolarmente orgogliosi di quello che stiamo realizzando e siamo contenti di offrire a tutti i delegati che arrivano dall’estero un’immagine di unità amministrativa tra Comune, Regione e Governo». La kermesse internazionale si intreccia in questi giorni con la tradizione ed il foklore delle manifestazioni collegate alla rievocazione storica del Palio di San Giovanni Battista, patrono della città.

Da ieri e fino a sabato prossimo, per visitare i sette padiglioni tematici Unesco sono arrivati i delegati di 180 località diverse in rappresentanza di 72 nazioni e 5 continenti. Un incentivo al turismo e anche all’indotto del terziario che sta beneficiando del tutto esaurito nelle strutture ricettive.

Leonardo, ‘La Madonna Benois’ in esposizione alla Pinacoteca Molajoli

Un ambizioso progetto incastonato nel già ricco panorama culturale della città. «Fin dal nostro insediamento come amministrazione comunale abbiamo spinto per riattivare un dialogo con la società civile, pronti ad accogliere proposte per calarle nella realtà – ricorda il primo cittadino di Fabriano – La XIII Unesco creative cities network annual conference si è rivelato uno stimolo in più per far fiorire tante attività collaterali a quelle programmate all’Unesco che si protrarranno oltre la settimana dell’evento. Questo è un inizio per capire che cosa siamo in grado e capaci di fare». Domani mattina quindi il presidente Mattarella, in arrivo da Perugia, ed il premier Conte che atterrerà a Fabriano in elicottero partendo da Roma, troveranno una città già blindata da giorni.

Il decreto Minniti e le norme sull’antiterrorismo hanno imposto ormai da tempo di alzare le misure di sicurezza in occasione dei grandi eventi e da ieri il centro storico di Fabriano è presidiato in 15 varchi di accesso dalle forze dell’ordine e della Protezione civile. Sono stati installati blocchi di cemento come barriere antiterrorismo agli ingressi di piazza Garibaldi, via Ramelli, via Cialdini e corso della Repubblica, e chi vorrà assistere agli spettacoli serali dell’Unesco nell’area più antica della città dovrà superare ingressi dotati di conta-persone con l’obiettivo di non superare la quota massima di 4.200 accessi. Le maxi misure preventive di ordine pubblico saranno rese più stringenti anche dalla presenza di un maggior numero di forze dell’ordine (coordinate dal commissario Mazza, che dirige il locale commissariato). Da stamattina, secondo il protocollo adottato in occasione delle visite istituzionali di alte cariche dello Stato, dopo il sopralluogo degli artificieri per la bonifica dei palazzi e dei luoghi pubblici, sono stati anche saldati diversi tombini nel centro città.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X