facebook twitter rss

Il Pd s’infuria con Ceselli:
«Permesso un comizio elettorale in aula»

TOLENTINO - I democrat promettono una mozione di sfiducia ed un esposto al prefetto contro il presidente del Consiglio che ha autorizzato il consigliere Scorcella a spiegare le ragioni della nascita del nuovo gruppo consiliare
giovedì 16 Maggio 2019 - Ore 15:43 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
18 Condivisioni

 

Angela Ciarlantini, segretaria del Pd Tolentino

 

«Mozione di sfiducia contro il presidente del Consiglio Carmelo Ceselli ed esposto al Prefetto sui gravi fatti avvenuti in Consiglio comunale». E’ quanto annuncia la segreteria tolentinate del Partito democratico dopo aver «assistito all’ennesima prevaricazione delle regole democratiche da parte dell’attuale maggioranza, disattendendo in modo spudorato quanto previsto dalle norme e dai regolamenti vigenti». Nel mirino Ceselli «ovvero proprio colui che, nell’esercizio delle sue funzioni, dovrebbe ispirarsi a criteri di imparzialità, intervenendo a difesa delle prerogative del Consiglio Comunale e di tutti i consiglieri», reo secondo gli esponenti democrat di aver «autorizzato il consigliere Luca Scorcella a prendere la parola per informare i presenti del nuovo gruppo consiliare (rappresentato guarda caso da Ceselli e Scorcella) nato dai fuoriusciti di Forza Italia, in conseguenza della cacciata dell’assessore Pupo da parte del sindaco».

Carmelo Ceselli e Luca Scorcella

Ed è questo il punto, secondo la segreteria tolentinate del Pd. «Quando i consiglieri di minoranza hanno sottolineato la totale inopportunità e l’evidente illegittimità di un comizio elettorale (perché di questo si è trattato) all’interno di un Consiglio Comunale, alle porte di un’importante tornata elettorale, l’imparzialissimo presidente Ceselli ha alzato la voce contro costoro, permettendo al consigliere Scorcella di continuare il suo “comunicato d’amore” verso il sindaco Pezzanesi e la destra che governa in modo arrogante la città di Tolentino». I democrat precisano: «L’attuale regolamento del comune di Tolentino e le norme vigenti stabiliscono che nessun argomento può essere sottoposto a discussione o a deliberazione in Consiglio comunale se non risulta iscritto all’ordine del giorno, salvo per eventi di somma urgenza ed indifferibili. Solo il presidente del Consiglio o il sindaco possono eventualmente fare comunicazioni su fatti e circostanze che siano di interesse generale, proprio per evitare che il Consiglio comunale possa essere sfruttato da qualche consigliere sfrontato ed arrogante. Bene hanno fatto i consiglieri di minoranza ad abbandonare l’aula in segno di protesta per un fatto grave, che sottolinea la mancanza del minimo rispetto per le regole democratiche di questa maggioranza – concludono-. In particolare stupisce l’abuso di potere perpetrato dall’attuale presidente del Consiglio Ceselli che, noncurante delle regole e delle norme, invece di essere arbitro imparziale dell’assise, dirige il Consiglio in modo palesemente di parte, contravvenendo ad ogni principio democratico».

“Uniti per il Centrodestra”, entrano Ceselli e Scorcella

Forza Italia sul piede di guerra, Ceselli e Scorcella nel mirino «Non conoscono lealtà e rispetto»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X