Primarie, il Pd gongola:
«Segnali di rilancio anche a Civitanova»

POLITICA - La soddisfazione del segretario cittadino Guido Frinconi per i 1059 votanti. Con lui Vera Spanò e il consigliere regionale Francesco Micucci che entra nella segreteria Zingaretti
- caricamento letture
8bf7642f-a60b-46bf-b44f-406f99c6b3da-650x365

Da sinistra: Francesco Micucci, Guido Frinconi, Vera Spanò e Andrea Savorelli

 

«Sono state primarie boom che rilanciano il Pd, ai seggi tanti delusi dall’attuale governo e anche dall’attuale amministrazione comunale tornano a votare centrosinistra». Guido Frinconi, segretario del Partito democratico civitanovese gongola nella sede di via Mameli per il risultato delle primarie. Ieri nei 7 seggi allestiti in città, non sono bastate le schede e i volontari hanno dovuto rifornirsi per non rischiare di rimandare a casa gli elettori. 1059 i votanti, di cui 1047 valide. «E’ un segnale politico preciso, di una democrazia vera, dal basso e non quella dei click sulla rete» – ha concluso il segretario. Soddisfazione anche per Francesco Micucci, consigliere regionale che entra nella segreteria nazionale: «Zingaretti a Civitanova ha ottenuto il 73% – ha riferito Micucci – e gli elettori in città sono cresciuti rispetto al dato del 2017 quando erano stati in 980 a recarsi al seggio. Il ringraziamento va a tutti i volontari, c’è una rinnovata voglia di partecipare con Zingaretti, non più un Pd egemonico, ma che sa dialogare con gli alleati». Sottolinea invece la partecipazione dei giovani Vera Spanò: «Non era scontata la partecipazione così cospicua e quasi non eravamo preparati, ma ci ha stupito ancora di più il ritorno di tanti giovani a votare Pd, un segnale di fiducia che ci dà un senso di responsabilità ancora maggiore». In città erano 7 i seggi predisposti nei quartieri: due in centro (Lido Cluana e nella sede di via Mameli), a Santa maria Apparente, a Civitanova Alta, nel quartiere Risorgimento, a San Marone, a Fontespina e in più il seggio mobile per una decina di iscritti impossibilitati a raggiungere le sedi.

Pd, trionfo Zingaretti anche nel Maceratese: «Al voto pure delusi dal M5S»

Primarie Pd, la pattuglia marchigiana eletta all’assemblea nazionale: cinque i delegati del Maceratese

 

Zingaretti chiude la fase renziana e inaugura un nuovo Pd



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X