Circolare sul part time, diffida all’Area vasta:
«Condotta antisindacale»

SANITA' - Cgil, Cisl e Uil lamentano che sia mancato il confronto, parlano di scelta unilaterale dell'azienda e chiedono di riportare la trattazione al tavolo negoziale
- caricamento letture

 

sanità-medici-medico

 

Circolare dell’Area vasta sul part time, diffida per condotta antisindacale. Cgil, Cisl e Uil non hanno preso bene la circolare inviata dall’Area vasta 3 e ritengono «inaccettabile la scelta dell’azienda di procedere in modo unilaterale in ordine ad un istituto contrattuale demandato espressamente alla contrattazione integrativa aziendale». I sindacati dopo aver ricevuto il 30 novembre 2018 una informativa al riguardo da parte della direzione dell’Area vasta 3 avevano chiesto un confronto che poi non si era svolto, perché differito dalla direzione. Successivamente il 18 gennaio 2019, in vista di una nuova convocazione per il 28 gennaio la Rsu dell’Area Vasta aveva inviato una propria proposta all’Area vasta esprimendo l’auspicio fosse presa in considerazione. L’Area vasta nel corso della riunione del 28 gennaio «si riserva di analizzare ulteriormente la proposta delle organizzazioni sindacali e di riportala nuovamente al tavolo per una condivisione» dicono i sindacati nella diffida, e sottolineano l’importanza dell’istituto del part time a tutela delle categorie più deboli. A questo punto, «la direzione dell’Area Vasta 3, ignorando gli impegni presi, con supponenza e in spregio alle prerogative sindacali, il 7 febbraio ha inviato tramite posta aziendale capillarmente a tutto il personale le proprie indicazioni per il lavoro a tempo parziale senza tenere nella debita considerazione l’importanza oltre che l’opportunità di addivenire ad un accordo condiviso con le organizzazioni sindacali». Questi i motivi che hanno portato le organizzazioni a fare una diffida alla direzione dell’Area vasta 3 in cui si chiede «la revoca immediata della circolare e di riportare la trattazione dell’istituto del part time al tavolo negoziale». Il documento di diffida è a firma dei sindacalisti John Palmeri (Cgil Fp Macerata), Paola Ticani (Cisl Fp Macerata) e Marcello Evangelista (Uil Fpl), ed è stato inviato anche alla direzione generale dell’Asur e per conoscenza al presidente della giunta Regionale. Al momento ai sindacati non sarebbe arrivata risposta in merito a quanto richiesto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =