Morte di Azka,
la madre sentita dalla Procura

INDAGINE - Gli investigatori stanno ricostruendo cosa sia successo la notte del 24 febbraio scorso. Il padre della 19enne è indagato per omicidio preterintenzionale
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
azka-riaz4-499x650

Azka Riaz

 

Morte di Azka, sentita la madre della 19enne morta lo scorso 24 febbraio. La procura ha sentito la donna, che da tempo è tornata a vivere in Pakistan, nel quadro delle indagini per ricostruire cosa sia accaduto la notte del 24 febbraio. Il padre di Azka, Muhammad Riaz, era stato arrestato per omicidio preterintenzionale. Quella notte la 19enne si trovava in auto con lui quando lungo la provinciale 485 a Trodica di Morrovalle era scesa dall’auto e lì era stata travolta da una vettura. Qui le versioni di accusa e difesa confliggono. Per la procura Azka è stata investita da un’auto mentre si trovava a terra sulla carreggiata, le ipotesi degli inquirenti sono che o stava lì perché fuggiva dal padre o il padre l’aveva picchiata. Per la difesa invece la ragazza era scesa dall’auto perché la vettura non funzionava bene. Quando il veicolo era ripartito il padre aveva fatto un tratto di strada per poi svoltare e tornare a prendere la figlia che per raggiungerlo aveva attraversato la strada venendo investita. Per fare chiarezza sulla vicenda la procura ha deciso di sentire anche la madre. Al momento cosa gli investigatori le abbiano chiesto non è emerso ma è possibile che lo scopo sia quello di ricostruire i rapporti tra la ragazza e il padre. L’uomo deve rispondere anche di violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia sulla 19enne. Il reato di maltrattamenti gli viene contestato anche per gli altri figli. La famiglia di Azka viveva a Montelupone e si era poi trasferita a Recanati dopo il sisma.

(Gian. Gin.)

mortale-trodica-morrovalle2-650x433



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X