E’ Parma la Capitale della cultura,
sfuma il sogno di Macerata

IL VERDETTO - Il ministro Dario Franceschini ha annunciato la città scelta per il 2020 tra le dieci nomination. Carancini: «È stato un bellissimo viaggio che ci ha permesso di costruire un progetto di futuro per la città»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il video della proclamazione

parma

 

Parma è la Capitale italiana della cultura per il 2020, sfuma il sogno di Macerata. L’annuncio è stato dato alle 11,20 dal ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini nel salone intitolato a Giovanni Spadolini (già del Consiglio Nazionale) al Collegio Romano sede del dicastero. La decisione è stata presa dalla giuria di selezione presieduta da Stefano Baia Curioni. Parma ha trionfato su 31 città e ha vinto la concorrenza di Macerata, AgrigentoBitontoMeranoNuoroPiacenzaReggio Emilia, Casale Monferrato e Treviso, le città presenti nella short list. Presenti a Roma con tutte le delegazioni dei comuni finalisti anche il sindaco Romano Carancini con una rappresentanza dell’amministrazione: gli assessori Stefania Monteverde, Marika Marcolini, Paola Casoni e Federica Curzi, la dirigente del servizio Cultura Alessandra Sfrappini, del servizio Comunicazione Gianluca Puliti, la segretaria generale Claudia TarascioClaudio Ricci (Turismo), Rebecca Marconi (Unimc) e Sue Su, presidente dell’associazione Via Soccer.

Cerimonia-proclamazione-capitale-della-cultura-3-325x244

Carancini con gli altri sindaci in attesa del verdetto

Il commento a caldo del sindaco Romano Carancini: «È un stato un bellissimo viaggio che ha permesso a Macerata di essere tra le 10 finaliste di Capitale italiana della Cultura 2020 e di costruire un progetto di futuro per la città che è e sarà patrimonio di tutti noi e che comunque avvieremo fin da subito. Anche per dare vigore al territorio colpito dal terremoto che era uno degli asset su cui abbiamo costruito il nostro dossier».  Il presidente della giuria Baia Curioni ha ringraziato i sindaci e i comitati delle città candidate: «Un successo dell’iniziativa, voluta dal ministro, che è diventata un punto di riferimento per la costruzione e il racconto delle esperienze più virtuose nella gestione delle città, dei territori e della cosa pubblica. Un risultato che esprime qualità e speranza. Progetti che sono stati messaggi in bottiglia, ci hanno raccontato resilienza e desiderio di riscatto, la capacità di alleanza e di fare squadra in modo efficace, creatività della produzione culturale, e infine la volontà di cambiare, tratto comune a tutti i progetti». 

Cerimonia-proclamazione-capitale-della-cultura-2-325x244Il ministro Franceschini prima di aprire al busta ha ricordato: «Oltre al milione di euro messo a disposizione dalla Stato da quest’anno si aggiunge anche un progetto dell’Enel per il turismo compatibile. È il quarto anno che facciamo questa proclamazione, la competizione prevede che una città festeggia e le altre sono deluse, ma come per gli Oscar anche essere nelle nomination è un risultato spendibile»L’assessore al Turismo e alla Cultura della Regione Marche Moreno Pieroni si complimenta con Parma e  sottolinea:   «Il grande impegno dell’amministrazione comunale di Macerata ha comunque portato ancora una volta una località marchigiana, come già accaduto negli ultimi anni per Urbino  e Recanati,  tra le prime dieci  finaliste. Resta inoltre forte la volontà della Regione di continuare nel percorso di valorizzazione del sistema culturale, obiettivo prioritario da condividere insieme sia  a  Macerata che a  tutti gli  altri territori ed al grande associazionismo marchigiano».

 

 

pizzarotti

La-delegazione-maceratese-al-Mibact

La delegazione maceratese al Mibact

La-sala-Spadolini

La sala Spadolini

 

 

 

 

 

“Macerata Estroversa” alla Bit, dossier che guarda a Oriente

 

Capitale cultura, Dante Ferretti c’è: “Tifo Macerata, sono dei vostri”

 

Capitale cultura 2020, Macerata presenta il dossier



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X