Ordinate oltre 800 casette,
Serravalle probabile campo base

SISMA - Il Consorzio Arcale, che si occuperà della costruzione, ha contattato il sindaco. Il costo complessivo nelle Marche delle abitazioni in legno potrebbe aggirarsi tra i 50 e i 60 milioni di euro. A Castelsantangelo e Visso potrebbero arrivare tra luglio e fine agosto
- caricamento letture

 

casette-legno-2-400x300

Una casetta di legno

 

Il Consorzio stabile Arcale che ha vinto la realizzazione delle casette di legno per gli sfollati nelle Marche, potrebbe insediare a Serravalle il quartier generale, dove realizzare alloggi per i propri dipendenti chiamati al montaggio delle strutture in legno. “Abbiamo avuto un primo contatto con il consorzio – spiega Gabriele Santamarianova sindaco di Serravalle – potrebbero utilizzare le aree già pronte in cui sino a dieci mesi fa, vicino al capoluogo, c’erano gli alloggi del personale della Quadrilatero. Dovremmo incontrarci di nuovo a breve”. Al momento, comunque, ci sono stati solo contatti informali tra il sindaco ed il consorzio fiorentino che realizzerà le casette destinate ad ospitare gli sfollati sino al completamento della ricostruzione. Finora sono state ordinate 836 casette (in gergo tecnico Sae: soluzioni abitative in emergenza), di cui oltre 200 ciascuno andranno a Visso e Pieve Torina, a Camerino l’ordine complessivo supera già le 400, una sessantina quelle per Castelsantangelo sul Nera. A Fiastra il consorzio Arcale ha avviato il cantiere per i rilievi geologici sulle aree individuate per posizionare le casette. I tempi di consegna indicati ai primi sindaci che hanno ordinato le casette, Mauro Falcucci a Castelsantangelo e Giuliano Pazzaglini a Visso, sono tra fine luglio e fine agosto. Il dirigente regionale David Piccinini, con il decreto numero 87 del Soggetto attuatore sisma, pubblicato l’8 febbraio scorso (il presidente regionale Luca Ceriscioli è vicecommissario alla ricostruzione alle dipendenze di Errani) ha anticipato al consorzio il 10 per cento della somma per l’ordine di fornitura delle casette per le aree di Borgo e Pescara del Tronto, nel comune di Arquata del Tronto. La somma ammonta a 150mila e 374 euro, dunque l’ordine complessivo sarà di un milione e mezzo di euro, soltanto per queste due zone. La somma per le casette sinora ordinate dalla Regione potrebbe aggirarsi tra i 50 ed i 60 milioni di euro. Il Consorzio Arcale è stato tra i costruttori di sette edifici ricompresi nel 2009 del progetto Case, voluto dall’allora governo e Protezione civile, per dare un alloggio agli sfollati del terremoto dell’Aquila. In circa nove mesi furono realizzati 185 edifici antisismici, per circa 4mila e 500 appartamenti destinati ad ospitare oltre 15mila persone. Furono realizzate in diciannove diverse aree.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =