Sisma, colpo al cuore di Macerata
Inagibile palazzina del ‘500:
via 4 boutique di lusso

TERREMOTO - E' la porzione che fa angolo tra corso Matteotti e piazza Battisti dove una targa indica che è in quei luoghi è nato padre Matteo Ricci. Costretti al trasloco forzato, dopo che i tecnici ne hanno dato l'inagibilità, Di Pietro, Alex, Cicconetti e Medori
- caricamento letture

palazzo-commercianti-piazza-battisti-macerata-inagibile_foto-LB-10-650x365

Francesca Di Pietro mostra una delle crepe che si sono formate nella palazzina

 

Medori_foto-LB-2-650x366

Il gioielliere Douglas Medori

 

di Claudio Ricci

(Foto di Lucrezia Benfatto)

Sisma, colpo al commercio di lusso del centro storico di Macerata. Alcune delle boutique più conosciute saranno costrette a traslocare a causa dell’inagibilità data dai tecnici Aedes. Scheda E, “rischio sul danno strutturale molto alto”, è il verdetto consegnato ieri alla riunione di condominio della palazzina inclusa tra il civico 8 di corso Matteotti e l’11 di piazza Battisti. L’edificio del ‘500 è ricordato per una una targa che indica che in quei luoghi è nato padre Matteo Ricci (più che altro è un’indicazione della zona in cui nacque, il dibattito degli storici su dove fosse l’abitazione è aperto da anni). Ma soprattutto è sede di negozi conosciuti in tutta la provincia e non solo. Di Pietro, Cicconetti, Alex e la storica gioielleria Medori sono le attività che dovranno sgomberare non appena il sindaco avrà firmato l’ordinanza redatta dagli uffici. A queste si aggiungono due famiglie, un appartamento affittato a studentesse universitarie e la vetrina d’angolo occupata fino allo scorso dicembre dal negozio di moda giovane Square store. “Deformato il maschio murario” è la diagnosi che rende lo stabile a forte rischio. «Dopo il 24 agosto abbiamo tolto dalle pareti esterne tutti gli oggetti pericolanti e puntellato le finestre – spiega Francesca Di Pietro – Lo stesso vice di Spuri è venuto a controllare due giorni dopo dicendo da subito che il danno strutturale era molto alto. Ora cercherò di spostare l’attività sulla parte di negozio che affaccia nell’altra metà di piazza Battisti, nella speranza che mi lascino almeno la vetrina». Tra i commercianti c’è però chi non vuole andarsene. Douglas Medori titolare della gioielleria aperta dal bisnonno nel 1850 in piazza Battisti pensa già al ricorso a vie legali: «Hanno dato l’inagibilità al palazzo senza considerare che questo negozio non ha subito danni. Ho due pareti portanti e colonne in cemento armato, così come il solaio. Sono in un bunker. L’attività è storica e per me è impensabile pensare di spostarmi. Anche il negozio di mia cugina Gabriella Medori dall’altra parte del palazzo non ha danni. Ho preso contatti con un legale e ora farò fare un’ulteriore valutazione ad un perito di fiducia per lo stato dell’immobile. So che ci si può opporre e lo farò»

palazzo-commercianti-piazza-battisti-macerata-inagibile_foto-LB-12-650x365

 

 

palazzo-commercianti-piazza-battisti-macerata-inagibile_foto-LB-9-650x365

palazzo-commercianti-piazza-battisti-macerata-inagibile_foto-LB-8-366x650

di-pietro-2

palazzo-commercianti-piazza-battisti-macerata-inagibile_foto-LB-7-650x365

palazzo-commercianti-piazza-battisti-macerata-inagibile_foto-LB-6-650x365

palazzo-commercianti-piazza-battisti-macerata-inagibile_foto-LB-4-650x365

palazzo-commercianti-piazza-battisti-macerata-inagibile_foto-LB-2-365x650

palazzo-commercianti-piazza-battisti-macerata-inagibile_foto-LB-1-650x365

Medori_foto-LB-4-650x365

 

Medori_foto-LB-1-650x365

palazzo-commercianti-piazza-battisti-macerata-inagibile_foto-LB-13-650x365



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X