Porte aperte nei plessi della Alighieri:
Carancini sul futuro della secondaria

MACERATA - Al via mercoledì gli incontri con i genitori e gli alunni per illustrare corsi e attività che caratterizzeranno il prossimo anno scolastico. Nelle giornate di sabato e domenica il sindaco comunicherà ai genitori e agli alunni delle quinte quale sarà il destino della scuola media
- caricamento letture

EMILIOZZI

 

di Claudio Ricci

Sarà l’occasione per presentare il futuro della scuola media l’iniziativa “Porte aperte” alla Dante Alighieri di Macerata. Le anticipazioni sulla sistemazione di alunni e studenti nel prossimo anno scolastico e in quelli a venire verranno comunicate dal sindaco Romano Carancini sabato e domenica prossimi negli incontri in programma dalle 16 alle 18 all’istituto ex Pannaggi rivolti, nella giornata di sabato ai genitori e agli alunni delle classi quinte della primaria IV Novembre e Fratelli Cervi, e domenica ai genitori e agli alunni di tutti gli altri istituti scolastici. L’auspicio e l’obiettivo a cui stanno lavorando amministrazione e dirigenza scolastica resta quello di sistemare la secondaria in un unico plesso per il prossimo anno. Porte aperte inizierà mercoledì prossimo (11 gennaio) dalle 16,30 alle 17,30 nella scuola di infanzia Villa Serra e dalle 17 alle 18 nella Fratelli Cervi. Si andrà avanti giovedì dalle 17 alle 18 nella primaria IV Novembre anche per i genitori degli alunni della Fratelli Cervi. Le iscrizioni all’anno scolastico inizieranno il 16 gennaio e dureranno fino al 6 febbraio. Durante le giornate di scuola aperta i genitori potranno visitare i plessi scolastici, chiedere tutte le informazioni sui piani formativi, sui progetti in corso e quelli in programma per i  prossimi anni, in vista delle iscrizioni. Ma non solo perché studenti e famiglie potranno  assistere anche ad attività di laboratorio pensate per l’occasione, seguire lezioni di diverse discipline, vivere da vicino tutte le attività proposte nei vari istituti e scoprire le novità.

L’Istituto comprensivo Dante Alighieri, il più grande in città (con i suoi circa 1.300 iscritti) apre le porte al pubblico. Dall’infanzia alla secondaria, la scuola offre un insegnamento d’eccellenza e si conferma come scelta di grande livello non solo per chi abita in città ma per chi vive in tutta la provincia. E’ da sempre in prima linea per progetti e partenariati con istituti superiori  nello studio delle lingue classiche, delle materie scientifiche e nell’avvicinamento  all’impiego con percorsi di alternanza scuola – lavoro e con laboratori. Attenta  all’insegnamento delle lingue straniere, la scuola offre la possibilità di potenziare la  conoscenza delle lingue comunitarie mediante il conseguimento di certificazioni per  l’inglese, lo spagnolo, il tedesco e il francese, e-twinning, soggiorni e scambi culturali all’estero. Scuola capofila di molti progetti a livello provinciale e regionale, ente accreditato con l’Università di Macerata e Urbino per il Tfa (tirocinio formativo attivo), e con l’ateneo di Camerino per i giochi matematici organizzati dall’Università Bocconi di Milano, la Dante Alighieri offre servizi di eccellenza assoluta. E’ l’unica istituzione scolastica del territorio ad offrire lo studio del tedesco come seconda lingua, oltre all’inglese potenziato, al francese e allo spagnolo. La scuola Dante Alighieri è anche capofila di un Centro Territoriale di Integrazione a livello provinciale per la piena inclusione di alunni con bisogni educativi speciali. “Il nostro Istituto da sempre basa i suoi punti di forza su di un altissimo livello di insegnamento e sulla grande professionalità dei docenti, molto attenti ai singoli talenti e alle qualità specifiche di ogni singolo studente. – spiega il dirigente scolastico Rita Emiliozzi – Accoglienza, continuità e orientamento sono le basi per garantire un percorso educativo e formativo unitario, ologrammatico dai 3 ai 14 anni, oltre a sinergie consolidate con Prefettura, Questura, Guardia di finanza, Carabinieri, enti e associazioni locali, volte alla prevenzione e alla conoscenza delle problematiche giovanili. Un’altra peculiarità della scuola è il connubio tra la tradizione, che viene comunque sempre mantenuta e l’innovazione didattica ottenuta con la digitalizzazione e l’utilizzo di nuove tecnologie (classe 3.0, classi virtuali, Edmodo, Prezi, storytelling) “.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X