Maceratese in cantiere, Giulio Spadoni:
“La priorità è lo stadio, poi l’allenatore”

L'uomo mercato dei biancorossi: "Ho parlato con Cristian Bucchi e con un altro tecnico ma prima di prendere impegni dobbiamo avere la certezza dell'iscrizione in Lega Pro". L'appello ai tifosi: "Stateci vicino, remiamo tutti dalla stessa parte"
- caricamento letture
Il ds della Maceratese Giulio Spadoni

Il ds della Maceratese Giulio Spadoni

di Andrea Busiello

“Prima di prendere impegni con un allenatore dobbiamo iscriverci al prossimo campionato di Lega Pro”. E’ il chiaro messaggio che il ds della Maceratese Giulio Spadoni vuole mandare a tutta la tifoseria: “La realtà dei fatti è che se non abbiamo un campo a disposizione per il 20 giugno non avremo le carte in regola per fare i professionisti. E’ vero ho sentito un paio di allenatori come sondaggio ma ad oggi l’unica priorità è quella di superare la difficoltà dell’iscrizione: una volta riuscitici penseremo alla costruzione della nuova rosa partendo dal nome del nuovo tecnico. Nel frattempo smentisco tutti gli accostamenti a giocatori che abilmente i procuratori danno in pasto alla stampa, in un normale gioco delle parti in questa fase di mercato, cosiccome confermo che nessun giocatore della stagione scorsa è stato da noi contattato, perciò non è vero che andranno tutti via, come non possiamo dire allo stato attuale chi rimanga. L’unico che non ci sarà di sicuro è De Grazia”. Sembra impossibile dunque avere il nome del nuovo condottiero dei biancorossi prima del 20 giugno: “Credo proprio di no. La nostra unica speranza per poter fare la Lega Pro è che Ancona ci ospiti. Come ha riferito l’avvocato Nascimbeni (leggi l’articolo), che sta facendo un grande lavoro e da tempo ha allertato tutte le parti interessate su questa inderogabile incombenza, ci siamo incontrati con la società dorica e siamo fiduciosi”. La piazza ha fame di notizie, vuole sapere come ripartirà la nuova Maceratese: “In questi giorni s’è creato un clima strano (il riferimento sembra essere alla presa di posizione della tifoseria), capisco che ognuno di noi ha dei pregi e dei difetti ma credo che in questo momento dobbiamo essere tutti uniti intorno alla Maceratese e remare dalla stessa parte. Anche minare l’entusiasmo e la buona volontà della presidente Tardella con attacchi a volte un po’ troppo strumentali, non fa bene alla causa. Lasciare da parte le polemiche e lavorare tutti per il bene della Maceratese. Iscriversi al prossimo campionato non è una cosa scontata e abbiamo bisogno del sostegno morale dei nostri tifosi per non perdere quell’entusiasmo contagioso che aveva fatto chiudere la stagione con oltre 5mila spettatori festanti all’Helvia Recina, ma anche di una società forte, sostenuta e convinta che produca fideiussione, tassa di iscrizione (95 mila euro) e ottemperi agli adempimenti”.

Cristian Bucchi potrebbe allenare la Maceratese

Cristian Bucchi potrebbe allenare la Maceratese

Per la panchina della Maceratese si è fatto il nome di Cristian Bucchi.  “Ci ho parlato, come ho parlato con un altro per sondare la disponibilità. In questo momento però non ci sentiamo di bloccare un tecnico se non abbiamo la garanzia di fare la Lega Pro. Sono stato in Liguria alle Finali Primavera TIM e ho avuto modo di parlare con importanti società di serie A e B per avere i loro giovani in prestito con canale preferenziale per la Maceratese così come stiamo parlando quotidianamente con tanti giocatori per sondare il terreno ma ripeto le priorità adesso sono due: iscriversi al campionato e remare tutti dalla stessa parte”. Per poter iscrivere la società biancorossa al prossimo campionato di Lega Pro la strada è una sola: dato che l’Helvia Recina non sarà a norma per il 20 giugno, l’unico impianto in regione disponibile dopo il rifiuto di Ascoli è quello di Ancona. La società dorica ha dato parere positivo ad ospitare la Maceratese e adesso sarà fondamentale parlare con prefettura, questura e comune di Ancona per trovare la soluzione migliore per iscrivere la Rata in Lega Pro con la voce “Del Conero” sotto la casella dello stadio casalingo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X