Convegno Rotary sui distretti industriali

MACERATA - Relatori nell'aula magna dell'Università Franco Moschini,  Eleonora Cutrini e Ferdinando Cavallini
- caricamento letture
ROTARY ECONOMIA GRUPPO foto (10) 2

I partecipanti al convegno

Si è rivelato alquanto interessante l’incontro organizzato dal Rotary Macerata con i club di Camerino, Tolentino e “Matteo Ricci” di Macerata per discutere del futuro dei distretti marchigiani. Nell’aula magna dell’università di Macerata, alla presenza del rettore Luigi Lacchè, l’altra mattina si sono susseguiti relatori d’eccezione, sollecitati dal giornalista Carlo Cambi, per dibattere sul futuro per i distretti industriali. “Quando ho iniziato – ha raccontato l’imprenditore Franco Moschini, presidente di Poltrona Frau di Tolentino – non c’era il distretto pellettiero a Tolentino, ma è nato con noi quando ci siamo trasferiti da Torino nella città maceratese ed è cresciuto man mano con la nascita di nuove aziende da parte di ex dipendenti della Frau”. Oggi alla luce dei cambiamenti indotti dalla globalizzazione, si può affermare che i distretti industriali sono eterogenei al loro interno poiché costituiti da imprese diverse per dimensione, posizionamento lungo la catena del valore e strategia competitiva.

ROTARY ECONOMIA RELATORI foto (8) 2Ma che fine faranno i distretti industriali? “Oggi – ha aggiunto Eleonora Cutrini, docente all’Università di Macerata – occorre puntare sulle medie-grandi imprese virtuose per coniugare la competitività internazionale con la salvaguardia di quel patrimonio di competenze specifiche e vantaggi di localizzazione, economie esterne marshalliane, di cui i distretti industriali italiani erano e restano ancora oggi particolarmente ricchi. Così facendo sarà possibile cogliere le opportunità offerte dalla crescita di un segmento di clientela sofisticata, della classe agiata nei paesi emergenti sempre più attenta ai valori estetici, tecnici e culturali espressi dal made in Italy”.

ROTARY PRESIDENTI ECONOMIA foto (12) 2Secondo Ferdinando Cavallini, direttore generale della Banca della Provincia di Macerata, ora le aziende devono garantire quello che chiede il mercato, design, creazione di sinergie, perché attraverso le sinergie si recupera efficienza ed efficacia nello stare sul mercato. Con il convegno il Rotary ha voluto dare un piccolo, ma significativo, contributo per disegnare un nuovo e più efficace modello di sviluppo per la regione Marche. Al termine dell’incontro c’è stata la consegna di pubblicazioni ai relatori da parte dei presidenti Francesco Ciotti del club di Macerata, Marco Sigona di Macerata “Matteo Ricci”, Alberto Caprioli di Tolentino, Roberto Santacchi segretario di Camerino.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 1
Civitanova = 
Elezioni =