Sparvoli: “Veglione di Carnevale in teatro, solo il capriccio di un assessore”

Il consigliere di Nuovo Progetto Matelica contesta le scelte dell'amministrazione su eventi e utilizzo dei monumenti: "Sperperano soldi pubblici per le loro manie"
- caricamento letture
Il consigliere Paolo Sparvoli

Il consigliere Paolo Sparvoli

Eventi natalizi, utilizzo dei monumenti e veglione di Carnevale in teatro: sono questi solo alcuni punti del lungo j’accuse che l’ex sindaco di Matelica e consigliere di Nuovo Progetto Matelica Paolo Sparvoli muove nei confronti dell’amministrazione Delpriori. «Nella mia giunta non vi erano storici dell’arte e nemmeno così tanti laureati, ma non ci siamo mai permessi di deturpare monumenti significativi per la città. Mi riferisco alla Loggia degli Ottoni che é stata utilizzata, per tutto il periodo natalizio, nonostante la sua vulnerabilità per problemi strutturali legati alla parete adiacente alla torre civica. É stato costruito uno scivolo in cemento per permettere agli addetti di posizionare le cyclette sotto al loggiato proprio nella parte in cui era stato negato l’accesso e l’utilizzo ai ristoratori dai tecnici comunali vista la precarietá della parete, hanno appeso cartelli di ogni sorta con chiodi in ferro barbaramente infissi sui pilastri, teli di nylon che scorrevano su fili come indumenti ad asciugare, hanno posizionato pannelli pubblicitari in modo indecoroso. Se la nostra piazza deve essere la cartolina e il simbolo della nostra città, credo che abbiamo mostrato il peggio».

Sparvoli fa leva soprattutto sul veglione al teatro Piermarini: «Non più di qualche settimana fa, l’amministrazione ha fatto smontare le sedute della platea per la sistemazione del pavimento in legno, necessario per ottenere il certificato di prevenzione incendi, pulito, lucidato e sistemato con cura, le stesse sedute sono state riposizionate in vista  dello spettacolo teatrale. Non soddisfatta, l’Assessore alla cultura Cinzia Pennesi ha ritenuto di dover organizzare un veglione di Carnevale per pochi intimi. Per far questo si sono dovute smontare di nuovo tutte le sedute e  dopo la festa si dovrà ripulire il pavimento. Forse gli attuali amministratori ritengono giusto spendere inutilmente soldi pubblici utilizzando i dipendenti comunali per assecondare i loro capricci».

Teatro Piermarini

Teatro Piermarini

L’ex sindaco ricorda gli eventi promossi dalla sua giunta e abbandonati: «Oltre ad una notevole spesa di circa 100 mila euro dei soldi dei cittadini, per organizzare la stagione teatrale, la festa europea della musica, e altri eventi che hanno visto una ridotta partecipazione cittadina, questa amministrazione ha fatto cessare il Carnevale Matelicese, “Matelica on ice”, che non hanno voluto contribuire a realizzare a scapito di tanti giovani, degli esercizi commerciali e delle famiglie». Poi conclude: «Ci siamo ritrovati con eventi sovrapposti o concomitanti,  di conseguenza sono stati di scarsa rilevanza e partecipazione. Che tipo di ritorno economico-turistico-sociale hanno avuto le manifestazioni organizzate finora? É inutile e insensato spendere le risorse che non siano destinate al bene di tutta la città, stiamo assistendo ad un flusso migratorio dei matelicesi verso i paesi vicini. Quanto visto finora é deleterio per l’immagine di una Matelica da sempre modello innovativo e al centro delle attività dell’entroterra. Mi auguro pertanto che sindaco e giunta facciano un bagno di umiltà, ascoltando anche i consiglieri di minoranza e i cittadini che da sempre partecipano alle attività che si svolgono a Matelica, in modo tale da evitare in futuro lo sperpero economico per soddisfare solo le “manie” di alcuni assessori e pensare davvero al futuro della città».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X