Spese pazze in Regione,
proroga per l’inchiesta

La procura di Ancona ha chiesto altri sei mesi. Sono indagati per peculato 42 consiglieri ed ex consiglieri, compreso il governatore Spacca
- caricamento letture
Il procuratore capo di Ancona Elisabetta Melotti

Il procuratore capo di Ancona Elisabetta Melotti

Non è ancora chiusa l’inchiesta sulle spese dei gruppi consiliari in Regione. La procura di Ancona ha chiesto un’ulteriore proroga di sei mesi delle indagini. La nuova scadenza decorre dal 29 settembre e, quindi porterà alla conclusione delle indagini nel mese di marzo. Una eventualità che in molti scongiuravano per la concomitanza con la campagna elettorale per il rinnovo del consiglio.  Ricordiamo che l’inchiesta, riguarda solo i fatti del 2012, per i quali sono indagati per peculato 42 consiglieri ed ex consiglieri, compreso il presidente della Regione Gian Mario Spacca, il segretario regionale del Pd Francesco Comi e 5 funzionari dei gruppi. Sempre da questa parte dell’inchiesta sono invece esclusi il presidente del Consiglio Vittoriano Solazzi e i consiglieri regionali entrati successivamente nell’Assemblea. L’inchiesta era partita nell’ottobre 2012 con l’acquisizione da parte della Guardia di Finanza di una gran mole di documenti (rendiconti annuali dei gruppi, scontrini, bolle, fatture, pezze d’appoggio e supporti informatici), a partire dal 2008. La parte di inchiesta relativa agli anni dal 2008 al 2011 è già completata, ma la Procura dovrebbe fare una valutazione finale complessiva su tutte le annualità e inviare i relativi avvisi di chiusura delle indagini.

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X