Ritzer parla della Mcdonaldizzazione
Il pubblico cerca le risposte a Futura

CIVITANOVA - Nel pomeriggio la premiazione dei contest su Leopardi e il ritorno di Marc Augé. Chiusura di giornata con l'editorialista Ernesto Galli Della Loggia sull'identità nazionale
- caricamento letture
futura

A sinistra Lorenzo Di Bella e Marco Giallini (foto Luigi Gasparroni)

futura

Marc Augé

di Claudio Romanucci

Marco Giallini è stato il protagonista del martedì di Futura. Accolto da una folla di fan in un teatro Annibal Caro gremito, “Er Terribile” di Romanzo criminale e il papà paziente di “Tutta colpa di Freud” ha incantato il pubblico, soprattutto quello femminile, accorso per ascoltarlo. Delicato ed emozionante lo spettacolo andato in scena con la lettura delle poesie di Stefania Rabuffetti e le note del pianoforte suonato dal Maestro Lorenzo Di Bella, 30 minuti di straordinaria intensità apprezzata dal pubblico. Giallini, a suo agio fra foto e autografi, cordiale e rilassato, ha dichiarato “tornerò anche il prossimo anno”.
Intanto è arrivato da un giorno il filosofo ed antropologo Marc Augè, già ospite l’anno scorso del Festival: “Ricordavo questa bellissima piazza – ha affermato – è un piacere ritornare qui”. Domani 31 luglio si prosegue con gli ospiti internazionali: alle 17.30 nel chiostro di Sant’Agostino l’incontro dibattito sulla comunicazione digitale e l’esperienza dei contest di Futura che hanno riscosso un successo strepitoso di pubblico, di tweet e di partecipazione. Francesca Chiusaroli ne parla con Massimo Arcangeli. Con l’hashtag #Semprecaromifu e #Leopardeide la poesia ha viaggiato per mesi sul web, grazie al lavoro di Scritture Brevi. Alle 18.30 vengono premiati i vincitori dei due contest, mentre nel cortile dell’ex liceo, iniziano i laboratori di fisica e chimica.
Alle 18, al Teatro Annibal Caro, torna Marc Augé che incontra i giovani e il pubblico sul tema della quotidianità nel mondo globale, discutendo sull’incremento della solitudine nonostante i mezzi di comunicazione; introducono Maria Grazia Baiocco e Federica Senigagliesi (l’evento ha il supporto dell’interprete Lis per i non udenti). I più piccoli, l’infanzia e la fase pre adolescenziale sono al centro anche del dibattito con la sociologa Marina D’Amato alle 19, al chiostro di Sant’Agostino, sul tema “Ci siamo persi i bambini. Perché l’infanzia scompare”. Oltre alle domande, spesso rilanciate dagli ospiti, il pubblico s’aspetta anche risposte.

La prima serata ospita il sociologo George Ritzer sul tema “The Mcdonaldization of production, consumption and prosumption”. Ha coniato il concetto di “sistema McDonald’s” per spiegare l’uniformazione e l’omologazione dei costumi sociali, mettendo in guardia contro le seduzioni e gli allettamenti della “Mcdonaldizzazione”. Tra le sue opere: “The McDonaldization of Society”, tradotto in 16 lingue, italiano compreso.

Alle 23, sempre in piazza della Libertà, arriva l’editorialista del Corriere della Sera Ernesto Galli Della Loggia, sensibile al tema dell’identità italiana. Autore di importanti bilanci e riflessioni sull’Italia contemporanea, a Futura, presenta “Pensare l’Italia”. La serata termina con la proiezione del film “Tutti i santi giorni” (2012) di Virzì, nel cortile dell’ex Liceo, alle ore 23, grazie alla collaborazione con Ciak Video.

giallini_futura

Marco Giallini ieri sera a Futura

 

laboratorio futura

Laboratorio di scienze per piccoli apprendisti



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X